Iscriviti alla Newsletter di MenteSociale!

Email

Il tuo nome:


Parafilie e normalità

La sessualità tra normalità e patologia, le perversioni, la dipendenza sessuale?

lettera DBuon giorno, volevo un parere, poco tempo fa ho scoperto, ad intuito perchè sentivo che il mio compagno nascondeva qualcosa,che e' andato al night e non per una occasione tipo addio al celibato,ma tra amici una sera dopo cena.
Noi abbiamo sempre parlato di questa cosa,e ho sempre fatto presente quanto male mi avrebbe fatto un gesto del genere,esprimendo meglio che potevo il mio parere per farmi capire al meglio,ora mi sento ferita e non riesco a farmela passare,con lui ne ho parlato e la prende alla leggera dicendomi che e' come andare al bar ,e mi ha risposto che e' un problema mio se non mi passa perché lui mi ha gia' fatto le sue scuse e non sa cosa farci. La prego mi aiuti perchè mi sento davvero male. grazie
(Cinzia)


Risposta della dr.ssa Laura Catalli:
lettera RIo credo che sia utile capire cosa vorresti avere dal tuo compagno il quale a sua volta, da come racconti, dice di essersi scusato e non sa cosa farci; inoltre potrebbe essere importante capire cosa ti ha ferito di più: se il non averti rivelato una sua uscita oppure il night in se stesso oppure ancora, se è presente in te il dubbio che possa nasconderti qualcos'altro, ad esempio una relazione... Mi sento di suggerti di far prima luce in te stessa e poi provare ad aiutare tuo marito a capire maggiormente il tuo malessere, magari senza chiedere in un primo momento niente in cambio, ma soltando condividendo il dolore che hai e che stai attraversando.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

lettera DSono un uomo di circa 60 anni, la domanda che mi sono sempre posto e che adesso faccio a Lei è la seguente: Sono normale? Sin dalla giovane età fare sesso mi è sempre piaciuto e fin qui non c'è niente di anormale, il fatto è che lo facevo ed ancora continuo a farlo per ben due e qualche volta tre volte nell'arco delle 24 ore con la massima soddisfazione della donna di turno anzi la maggior parte delle volte è la donna che non riesce a starmi dietro. (Emilio)

 

Risponde la dr.ssa Laura Catalli
lettera RCaro Emilio, spesso ci si pone questa domanda: sono normale? facendo riferimento ad una normalità statistica ("come si comportano di solito le persone?"), ad una familiare e sociale ("come sono stato educato e quali sono stati i valori trasmessi? cosa mi dice la società in cui vivo?"), ad una religiosa ed etica, tra loro interconnesse. In specifico al quesito che poni, molte persone pensano che l'attività sessuale tendi a diminuire con l'età, così come la sua soddisfazione. In realtà non è per nulla vero, anzi è dimostrato da diverse ricerche che i rapporti sessuali tendino ad aumentare intorno ai 55-60 anni, dopo aver superato un'età critica e di messa in discussione, tipica per le donne quarantenni e degli uomini cinquantenni. Superata questa soglia, sembra invece che per molti uomini e donne si scopra e si costruisca una sessualità nuova, non più legata alla riproduttività (grazie al calo ormonale tipico della vecchiaia) e con tempi più fluidi ma non per questo meno intensi. Credo quindi in questo senso che una domanda di normalità debba essere posta tenendo in considerazione questi fattori e quando si presenta per se stessi e per gli altri come un problema o porti al peggioramento della qualità della vita.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

lettera DSalve...da 3 anni ho una relazione per lui di solo sesso per me anche affettiva con un uomo di 41 anni...ora anche convivente con un'altra donna. I nostri rapporti consistono in un primo momento con una lunga serie di messaggi telefonici a sfondo erotico, dove lui si immedesima nel ruolo di uno zio o fratello che spesso spia me sorella o nipote praticare l'autoerotismo e che poi abusa di me.da quando ha quest'altra relazione spesso quando ci vediamo si blocca sempre prima di avere l'eiaculazione.mi domando se in passato potrebbe avere subito abusi o aver assistito a qualche abuso o se semplicemente è normale..grazie (Giovanna)

 

Risponde la dr.ssa Laura Catalli
lettera RIl tuo racconto è ricco di aspetti che a mio avviso andrebbero approfonditi per darti una risposta maggiormente chiara e completa di questa. Non è chiaro ad esempio qual è il tuo vissuto rispetto alla presenza di questa seconda donna nella vostra relazione, così come il grado di soddisfazione provata da te in questo rapporto che affermi, sia anche affettivo. I comportamenti di trasgressione che possono aver acceso la vostra passione rappresentati da fantasie messe in atto, possono avere molteplici significati ed in tal senso ti suggerirei di domandarti come vi sentivate in questi ruoli familiari incestuosi indossati che possono aver aperto delle possibili "porte" alle emozioni determinando il blocco sessuale; questo per chiarire che non sempre c'è bisogno di rintracciare cause infantili per comprendere il momento attuale e che in ogni caso sarebbe importante potersi confrontare su questi dubbi e sui propri vissuti al di là del piacere, ancora di più se il rapporto non è vissuto solamente da un punto di vista sessuale.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

lettera DBuongiorno! Ho 63 anni e la mia compagna 40. Conviviamo da ormai 5 anni ma ultimamente lei mi ha confessato che mi ha tradito più di una volta. Ho voluto sapere il come, il quando e con chi e la cosa strana è che queste domande continuo a fargliele mentre facciamo l'amore e mi danno eccitazione anche se contemporaneamente mi ingelosiscono e mi fanno stare male, ma l'eccitazione è più forte. Cosa c'è in me che non funziona? Premetto che ho avuto una vita sessuale intensa, sono stato sposato due volte e ho avuto diverse compagne prima di lei con le quali ho fatto anche esperienze "strane"; con lei ho sempre pensato che fosse solo mia, ma ora mi accorgo che non è così, mi eccita l'idea che lei lo faccia anche con altri. La mia è una malattia od una perversione che rischia di farmela perdere? Grazie per la cortesia con cui mi risponderà. (Jean)

 

Risponde la dr.ssa Laura Catalli
lettera RE' giusto distinguere, come tu stesso fai in questa richiesta, la perversione dalla malattia. In realtà il comportamento perverso può essere un modo per dare energia nuova alla coppia, avendo il carattere di trasgressione e di alternativa alla quotidianità sessuale. In questo senso però, se tale comportamento comincia ad assumere un carattere di ripetitività ed ossessività, sostituendosi e non alternandosi al modo tradizionale di vivere la sessualità, allora si entra in un vero e proprio disturbo. Per maggiori approfondimenti ti invito a leggere questo articolo
Rispetto alla specificità della tua perversione, ti suggerirei di richiedere un colloquio sessuologico per approfondire alcuni aspetti della tua vita personale e relazionale (che cosa intendi per esperienze "strane", comprendere ed analizzare meglio la tematica della gelosia e dell'eccitazione, ecc) chiarendo così l'utilizzo di questa condotta sessuale.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

lettera DIl mio ragazzo continua ad andare su siti sexy e a guardare film pornografici mi sta mettendo in discussione con me stessa questa cosa mi fa sentire brutta e poco attraente e' normale? (Jessica)

 

Risponde la dr.ssa Laura Catalli
lettera RCara Jessica, sarebbe importate capire alcuni aspetti che non sono chiaramente esplicitati in quello che descrivi. Ad esempio da quanto tempo siete insieme, se il tuo ragazzo guarda questi film in tua presenza, se lo hai scoperto o se te le ho ha comunicato ed in che modo, se hai provato a parlargli per spiegare il tuo disagio. Quest’ultimo aspetto ritengo che sia fondamentale, non solo per condividere quello che senti e come ti piacerebbe si comportasse, ma anche per poter comprendere meglio il tuo ragazzo e le motivazioni che lo spingono ad utilizzare materiale pornografico o erotico.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Vuoi chiedere aiuto?

psicoterapia banner

SPORTELLO PSICOLOGICO GRATUITO

MenteSociale

studio mix

MenteSociale è una associazione di promozione sociale (CF: 97992540589)

Indirizzo dello studio:
Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 5, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI PER CHIEDERE INFO O PRENOTARE UN APPUNTAMENTO:
lun, mer, gio, ven ore 10.00-13.00; mar ore 17.00-20.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.