Newsletter

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

diventa fan

lettera DGentile Dott.ssa, ho 39 anni due figlii e sposato da 11 anni, tre anni fa ho avuto un problema di salute. Mi creda, dal quel giorno che ho visto la morte con gli occhi la mia vita è cambiata mi sento rinato vedo le cose in modo diverso vivo ogni momento della giornata, ho scoperto di amare l'arte del disegno e del decoro (lo faccio come secondo lavoro). A mia moglie probabilmente non va giù che io sono cambiato non apprezza il mio lavoro il mio modo di libertà il mio cambiamento (almeno è quello che percepisco a pelle ) anche se lei mi dice che è contenta.
Ora le dirò ho conosciuto una donna sposata della stessa mia età anche lei madre di due figli, ci siamo innamorati (mi creda sarà la maturità sarà quel che sarà ma ho conosciuto l'amore vero passionale quello che fa venire i brividi) ora ovviamente ho cercato di gestire la cosa mantenendo separate le due cose anche perche lei non si puo permettere una separazione, ma al di fuori dalla storia mi sono reso conto che ho bisogno di sttare da solo di vivere da solo non sento il bisogno di separarmi e andare a vivere con lei e i suoi figli sento proprio il bisogno di vivere da solo di libertà. Ma sono tra l'incudine e il martello adoro i miei figli ma sono molto infelice mi sento scoppiare se parlo con lei per spiegare come mi sento inizia subito a piangere dicendo che la voglio lasciare, non so che fare come agire come comportarmi la mia amica mi dice che per lei devo aspettare perche i tempi ancora non sono maturi, sarà vero? è vero? non so più che fare con mia moglie non ho voglia nemmeno di fare più l'amore mi sento violentato per le rare volte che è successo.Mi può dare un aiuto cosa dovrei fare, capisco che è un caso molto complesso e difficile da poter dare un aiuto cosi ma almeno qualche consiglio. La ringrazio anticipatamente e le porgo Distinti Saluti.(Luca)

Risposta della dr.ssa Laura Catalli:
lettera DIo credo che tu abbia già trovato una risposta proprio in quello che racconti: la vitalità che hai ritrovato in diversi campi della tua vita (nel lavoro, nelle relazioni...) ti ha permesso, mi sembra, di contattare te stesso. Il passo successivo è quello di ascoltare i tuoi desideri, tra qui quello di "vivere da solo"; se credi che la tua libertà sia incastrata in una relazione coniugale non più soddisfacente (sarebbe stato utile a mio avviso comunicare il tuo cambiamento da subito a tua moglie per confrontarti e condividere i tuoi vissuti, non "percepire a pelle" quello che potrebbe pensare di te!) allora sarebbe il caso di fermarti a riflettere su ciò che vuoi veramente e ciò che vuoi essere, prendendo tutto il tempo che ti serve per capire bene te stesso. Non credo che ai tuoi figli piacerebbe vedere un papà infelice, ma un papà sereno della scelta che ha fatto.

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.