Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

Privacy e Termini di Utilizzo

diventa fan

lettera DGent.Dott.ssa,ho 40 anni e sono mamma di una bimba di 5 che mi rende la donna più felice del mondo,nonostante suo padre mi ha abbandonata quando ancora ero incinta. Da qui mi sono ritrovata ad allacciare un rapporto che in fondo non è mai esistito con mia madre, la quale soffre di depressione e che da sempre si rivolge nei miei confronti con estremo astio.


Se non fosse per la mia bambina io credo che non riuscirei nemmeno a guardarla in faccia: il nostro passato è fin troppo pieno di eventi che mi hanno ferita emotivamente e che mi hanno lacerato il cuore. Ora il punto è che mia madre mi ritiene responsabile del suo malessere e che persino mia figlia non le mostra affetto. Infatti la situazione è piuttosto complicata dato che la piccola tende ad assumere un ruolo protettivo verso di me. Mia madre dunque ricopre il ruolo di vittima e martire e alla fine riesce sempre a farmi fare ciò che vuole anche se io soffro profondamente. Cosa dovrei fare? Fregarmene come mi dicono tutti e pensare solo alla mia bimba, o subire la sua violenza psicologica come sempre? La ringrazio anticipatamente (Patty)

Risposta della dr.ssa Laura Catalli:
lettera RCredo sia difficile scegliere una o l'altra opzione da te ipotizzata; in entrambi i casi mi viene da immaginare che ne soffriresti, anche nel caso in cui riuscissi a "fregartene", se fosse possibile.
Dal tuo racconto inoltre si esplicita un gran bisogno di protezione che anche la tua bambina ha colto ed al quale lei stessa prova a rispondere, cercandoti di proteggere da una relazione in cui non ti senti accolta e dove sembra esserci molto dolore. Un compito che devi riprenderti per non sbilanciare dei ruoli che altri a sua volta non sono riusciti ad assumersi. Sarebbe auspicabile cercare di costruire un nuovo rapporto con tua madre, per fermare questo dolore che vi portate da molto tempo e che non deve arrivare a tua figlia proprio per il profondo amore che avete l'una nei confronti dell'altra. Comprendo quanto sia difficile ricostruire un rapporto, mettendo da parte reciproche attribuzioni di colpa e di sofferenza, se senti di non riuscire a farcela da sola, prova a chiedere aiuto ad un terapeuta familiare che vi possa assistere in questo percorso. Per troppo tempo forse hai dovuto contare solo sulle tue forze (sei stata abbandonata quando eri incinta, non sei stata sostenuta da tua madre...), forse è il momento di fermarsi e di lanciare un SOS.

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.