Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

Privacy e Termini di Utilizzo

diventa fan

 

lettera DSalve,
sono una ragazza di 26 anni, da poco sposata. Qualche mese fa, mio marito ha stretto amicizia con una ragazza molto più piccola di lui, lei si è fidata di lui e sono diventati molto amici. Solo che questa amicizia ha compromesso il mio rapporto. Continui messaggi, continue e-mail, continue telefonate, perchè orami lei da amica era diventata un'ossessione d'amore. Lui all'inizio, accettava la cosa, poi per rispetto mio, ha iniziato ad ignorarla. Così, ci siamo sposati e siamo stati tranquilli fino a qualche giorno fa, fino a quando lei ha iniziato di nuovo. Continue e-mail e messaggi. Non so più che fare. Tante volte ho litigato con mio marito per colpa sua. Sono anche in gravidanza e vorrei stare tranquilla. Ora, volevo sapere, se solo per questo motivo, è possibile fare qualcosa, esporre denuncia, avere un colloquio con lei oppure avvisarla di tutto questo e quindi metterla al corrente di questa situazione poco accettabile. Perchè ero indecisa se passare o no direttamente dalla Polizia. Aspetto vostre notizie. Grazie.
(Sonia)

 

Risponde il dr. Giancarlo Salvadori
lettera RGentile signora Sonia,
intrattenere un rapporto colloquiale con un potenziale stalker non fa che consolidare i suoi propositi molesti. Va bene una preliminare comunicazione espressa da suo marito, breve ed in toni civili, con la quale informi la potenziale stalker che ogni ulteriore contatto è ritenuto indesiderato. Oltre a ciò non deve più intrattenere alcun tipo di relazione. Se l’attività molesta non si interrompe deve rivolgersi ad un ufficio di polizia per la valutazione del caso e l’adozione degli eventuali provvedimenti. A tal fine è necessario conservare gli sms pervenuti, le e-mail ed annotare –possibilmente nella maniera quanto più precisa- l’ora ed i giorni in cui sono pervenute le telefonate moleste (si ricordi anche di stabilire il contatto telefonico e di riagganciare subito dopo in quanto, al momento, gli squilli telefonici non sono registrati dai tabulati).

 

Salve, 
sono una ragazza di 26 anni, da poco sposata. Qualche mese fa, mio marito ha stretto amicizia con una ragazza molto più piccola di lui, lei si è fidata di lui e sono diventati molto amici. Solo che questa amicizia ha compromesso il mio rapporto. Continui messaggi, continue e-mail, continue telefonate, perchè orami lei da amica era diventata un'ossessione d'amore. Lui all'inizio, accettava la cosa, poi per rispetto mio, ha iniziato ad ignorarla. Così, ci siamo sposati e siamo stati tranquilli fino a qualche giorno fa, fino a quando lei ha iniziato di nuovo. Continue e-mail e messaggi. Non so più che fare. Tante volte ho litigato con mio marito per colpa sua. Sono anche in gravidanza e vorrei stare tranquilla. Ora, volevo sapere, se solo per questo motivo, è possibile fare qualcosa, esporre denuncia, avere un colloquio con lei oppure avvisarla di tutto questo e quindi metterla al corrente di questa situazione poco accettabile. Perchè ero indecisa se passare o no direttamente dalla Polizia. Aspetto vostre notizie. Grazie.

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.