Newsletter

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

diventa fan

lettera DLa mia è una lunga storia che affonda le sue radici in una storia di disagio famigliare riguardante la famiglia di mio marito.Per farla breve mia suocera muore in un incidente stradale nel 73, mio suocero rimasto vedovo con 2 figli si risposa dopo poco tempo con unaltra persona che tenta di imporre la propria famiglia i propri punti di vista esercitando spesso violenze psicologiche sui figli asserendo ad es che per una buona educazione dei bambini questi a 6 anni devono essere messi a lavare i piatti esercitando sui minori rimproveri continui,allontanandoli da tutti i parenti e imponendo la presenza dei propri.Mia cognata è anche scappata di casa. mio suocero non frequenta più nessuno dei suoi parenti. Tuttavia lui ha sempre sostenuto che questi non hanno fatto nulla e che certe loro intemperanze vanno perdonate.Oggi pretende che queste persone debbano conoscere il nostro bambino
e mette in atto minnacce di diffamazione su giornali se non accondiscendiamo a tutto ciò.Si è messo a urlare a casa mia in tanto che stavo allattando, ha inviato una lettera con minacce diffamatorie asserendo che ne seguiranno altre quando mio marita gli telefonato per rimproverarlo.Cosa dobbiamo fare per liberarci da questo disagio e sopratuuto come facciamo a fare in modo che mio suocero non ci imponga più quelle persone così indesiderate?? (Isa)

 

Risponde il dr. Giancarlo Salvadori
lettera RGentile signora Isa,
se si ritiene offesa per la lettera inviata da suo suocero può procedere con una querela per i reati di minaccia, ingiuria o diffamazione, tenendo conto del contenuto della missiva e a chi questa era diretta. Per avere precise delucidazioni in merito deve solo recarsi presso un ufficio di polizia esibendo la lettera che le è pervenuta. Credo comunque che siano tutti reati procedibili a querela di parte, quindi per presentare denuncia ha tempo tre mesi dal momento in cui lei è venuta a conoscenza del fatto reato. Riguardo ad impedire la visita dei nonni al nipote credo sia meglio si rivolga ad un avvocato esperto in diritto civile. Infatti, secondo recenti sentenze della Corte di Cassazione, anche se non esiste un “diritto” dei nonni a far visita al nipote, esiste invece un interesse del bambino nel vivere sereno e tranquillo, mantenendo buoni ed equilibrati rapporti sia con i nonni che con tutti i parenti di ciascun ramo genitoriale (art. 155 c.c.). Quindi, prima di intraprendere autonomamente qualsiasi azione, si consigli con un legale civilista.

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.