Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

Privacy e Termini di Utilizzo

diventa fan

lettera DBuongiorno, le propongo la mia storia perchè nonostante le mie denunce mi sento con le mani legate. Sono sposata con mio marito tossicodipendente (al momento del fidanzamento e matrimonio ne ero all'oscuro)dal '94, abbiamo due bambine (minorenni)le sue minacce sono state prevalentemente di tipo psicologico, appena mi ribellavo alle sue condizioni incominciavano le guerre verbali (insulti, minacce), violenze fisiche (ci sono 2 denunce da parte mia con referto del pronto soccorso)La sua condizione mi ha portato ad escludere ogni tipo di vita sociale (non potevo lasciare mai le mie bambine sole con lui),ho tentato di riprendere la mia vita lavorativa,(per avere una dipendenza economica da lui, dal momento che una delle minacce era propio quella di non darmi più soldi, ne per me , ne per le bambine, cosa che in effetti ha fatto) ma ho dovuto rinunciarci. A maggio mi sono rivolta a un'avvocato per la separazione e da quel momento ho vissuto nel terrore, giacchè ha proferito nei miei riguardi minacce di ogni tipo. Mi domando: è possibile che nonostante la mia volontà nel fermare questo tipo di comportamento malato, atto a dilaniare l'aspetto psicologico mio e quindi della madre di due bambine che hanno solo me come punto di riferimento, non possa essere punito o fermato? Mi dica Lei, se oltre a quello che ho già fatto, posso fare qualcos'altro? é stalking questo? oppure no? La ringrazio e rimango in attesa di una sua cortese risposta. (Franca)

 

Risponde il dr. Giancarlo Salvadori
lettera RGentile Signora Franca,
comprendo la sua situazione e la terribile condizione psicologica che sta sopportando. Senza dubbio, nei suoi confronti, c’è attività persecutoria che concorre con altri reati del codice penale riguardanti la famiglia. Ha fatto bene a rivolgersi ad un avvocato, che sicuramente saprà consigliarla seguendola sia nel percorso civile che penale. E’ secondo me necessario che lei sporga denuncia ogni volta che riceve minacce od offese, per dimostrare la persistenza del malvagio comportamento del suo ex coniuge e quindi sollecitare il giudice ad emettere dei severi provvedimenti. Oltre a ciò si rivolga al centro anti violenza più vicino alla sua città (l’elenco è pubblicato in questo sito), dove potrà trovare supporto legale e psicologico.

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.