WORKSHOP & CORSI PER PSICOLOGI

corsiperpsicologi

DALLA BACCHETTA MAGICA AL FALLIMENTO TERAPEUTICO
Venerdì 21 Aprile,       workshop esperenziale 

 

Newsletter

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

lettera DTre anni fà ho istruito un collega nuovo,ne è nata una relazione fatta di corteggiamenti e messaggi alla quale sono stata trovando la cosa divertente e soddisfacente nonostante io sia sposata e con un figlio piccolo.poi però quello che io ritenevo un gioco è diventata un'ossessione e io ho interrotto ogni rapporto,togliendogli anche il saluto. le cose sono precipitate ed ha cominciato a seguirmi ovunque,ha parlato male di me in ogni luogo,anche pubblico. ho provato a parlarci,ma siamo venuti a un alterco e lui mi ha denunciato per aggressione,per due anni e 1/2mi ha perseguitato poi io stanca ho parlato del problema in azienda,non mi segue più ma continua a parlare male di me in tutte le occasioni,sono molto stanca ho sbagliato per vanità ma non posso pagare per tutto il resto della vita,tutti sanno e hanno visto ma nessuno vuol essere coinvolto,mi sento terribilmente sola,ho paura che la cosa non avrà mai un termine e io così non vivo più. (Stefania)

 

Risponde il dr. Giancarlo Salvadori
lettera RGentile signora Stefania,
comprendo molto bene la sua situazione, che tra l’altro non è di facile soluzione non essendoci testimoni. La strada preferenziale sarebbe quella di richiedere l’ammonimento del Questore, però è necessario fornire almeno qualche elemento di prova di quanto le sta accadendo. Per provare la sua persecuzione andrebbe bene dimostrare i contatti telefonici, sia vocali che scritti. Anche se non ha conservato alcun messaggio –magari ingiurioso-, il contatto è rintracciabile con il tabulato telefonico, però per risalirvi è necessaria l’autorizzazione del magistrato che è concessa solo in seguito ad una denuncia per molestie. Ancora, per dimostrare la molestia telefonica è necessario che questa sia petulante o biasimevole (art. 660 c.p.), per cui poche telefonate alla settimana non integrano questo tipo di reato. Come vede la situazione è abbastanza complicata. Detto questo lei non deve sentirsi sola, perché non lo è, ed isolarsi volontariamente è la cosa peggiore che può fare. Inizi, magari da oggi, a segnarsi le telefonate che le pervengono dal persecutore (deve sempre stabilire il contatto, anche per pochi secondi), a conservare gli sms, a farsi accompagnare -per quanto possibile- da un’amica disposta a testimoniare su quanto le viene riferito, a richiedere l’intervento di una pattuglia se vede il soggetto in questione che la sta seguendo o che le staziona sotto casa. L’importante è che non si perda d’animo e che continui a vivere serenamente. Gradirei se mi tenesse informato sull’evolversi della situazione.

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.