Newsletter

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

diventa fan

L'articolo mette in luce l'importanza di una "pedagogia dell'ascolto" per una "buona scuola" che integri benessere emotivo e relazionale dell'alunno con quello del docente e del genitore. 

La fine dell'anno scolastico mi spinge a fare qualche riflessione sulle metodiche messe in atto nella relazione educativa.

Partendo dal presupposto che non esistono insegnanti e alunni ideali e perfetti, né vincitori e vinti in un clima di confronto democratico e di accoglienza, vorrei sottolineare la complessità ed anche la difficoltà quotidiana di un mestiere che solo all'apparenza riveste un ruolo di rispetto e privo di contestazioni.

Ho sempre creduto che la dimensione educativa rappresenti un canale privilegiato per la comunicazione che oggi purtroppo risente della crisi di valori che tende a non fornire più quella credibilità e rappresentatività necessaria per l'intera comunità. In questo contesto, dove si percepisce in modo evidente lo scollamento tra realtà e progetti di vita, seminare interessi e motivazione costituisce un terreno poco agevole, un percorso accidentato in cui bisogna ogni giorno " rimettersi in gioco", rivedere le proprie posizioni con l'umiltà e la diplomazia dell'esperienza accumulata nel corso degli anni.

La " buona scuola" e' fatta molto spesso di lavoro sommerso, quello che sulla carta non appare e che rappresenta un bagaglio culturale in continua evoluzione,  teso a colmare le lacune di una società in cui le parole hanno perso il loro significato perché esiste una realtà che non le rappresenta, realtà ormai gravata e appesantita dalla crisi istituzionale e politica che spengono il desiderio del futuro e la spinta al cambiamento. 

Il rapporto di asimmetria tra genitori e figli, insegnanti e alunni pone in essere molto spesso sul piano psicologico il contrasto di idee e modelli comportamentali, due mondi diversi che si scontrano più che incontrarsi, ognuno nella convinzione che il proprio modo di pensare sia giusto e non suscettibile di modifiche e cambiamenti. Tutto questo, soprattutto nella società odierna, costituisce un limite e un impedimento allo scambio generazionale, necessario per non disperdere e vanificare lo sforzo comune di migliorare la comunicazione senza tuttavia rinunciare a quella trasmissione culturale fatta di valori e insegnamenti che rappresentano le nostre radici.

La pedagogia dell'ascolto rappresenta il filtro di una educazione che accoglie la diversità, il disagio adolescenziale che si oppone ai divieti senza comprenderne il significato scegliendo spesso strade pericolose e autodistruttive. I nostri figli, i nostri alunni hanno bisogno urgente di essere ascoltati prima di essere rimproverati e puniti.

In questa ottica c'è la possibilità di trovare un percorso educativo che accompagni la crescita senza forzarne i tempi ammorbidendo le asperità che portano quasi sempre alle incomprensioni e all'isolamento. La conquista della propria identità e' un viaggio lungo che necessita di punti di riferimento, il sostegno e l'ascolto che gli adulti devono fornire senza pregiudizi e imperativi categorici. L'analisi dei bisogni e delle risorse individuali costituiscono il potenziale cognitivo messo in campo per sviluppare una pedagogia che insegni soprattutto a conoscere e a gestire le proprie emozioni in modo autonomo consapevole e responsabile.

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.