Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

Privacy e Termini di Utilizzo

diventa fan

Come ogni anno l’inizio del nuovo anno scolastico  coinvolge alunni, insegnanti e genitori in un percorso comune di relazioni, progetti, attività finalizzate al raggiungimento degli obiettivi formativi e cognitivi che l’istituzione scolastica si prefigge.

La scuola rappresenta da sempre un ambiente ricco di stimoli e occasioni per la crescita integrale della personalità dei giovani adolescenti, un ponte che collega l’educazione e la formazione al mondo del lavoro e delle scelte di vita per il futuro professionale.

Il lavoro  degli insegnanti si sviluppa attraverso una programmazione didattica che comprende : obiettivi, metodi, contenuti, valutazione. Questi punti nodali dipendono l’uno dall’altro e definiscono il percorso cognitivo delle attività che di volta in volta vengono programmate.

Non si parla più di una educazione generica ma delle “educazioni” (ambientale, legalità, cittadinanza, salute, ecc.) che confluiscono tutte nei segmenti curriculari delle specifiche discipline.

Si tratta proprio di un ampliamento formativo che consente all’ istituzione scolastica di promuovere progetti e attività con gli  enti  presenti nel territorio di appartenenza, nella società come struttura organizzata del mondo civile. Le conoscenze acquisite a scuola devono tradursi in abilità e competenze, strumenti indispensabili affinché l’apprendimento risulti significativo e utile per l’orientamento e la formazione.

In un periodo storico e sociale pieno di incertezze la scuola ha il compito di fornire ai giovani la speranza e la volontà per un futuro migliore.

Motivazione, informazione e ricerca costituiscono le modalità attraverso le quali la conoscenza diventa promozione, desiderio e interesse, curiosità e impegno, responsabilità e consapevolezza che contribuiscono alla crescita del singolo e della collettività.

Stare bene a scuola significa vivere in un clima di serenità e collaborazione, di obiettivi condivisi e mediati da una comunicazione efficace e priva di ambiguità. Il clima della classe dipende da molti fattori : strutturali e relazionali. L’ambiente scolastico deve essere confortevole, luminoso, con spazi adeguati e ben organizzati. Un ambiente fisico accogliente contribuisce sicuramente alla comunicazione, alla buona riuscita delle attività didattiche, al modo in cui le informazioni vengono trasmesse e recepite dagli studenti. Lo spazio  e il tempo sono elementi fondamentali per l’organizzazione delle attività e la conduzione del gruppo-classe. Per gli  alunni, soprattutto quelli che iniziano a frequentare la nuova  scuola, vengono programmate varie attività di accoglienza che hanno lo scopo di fornire  conoscenze e informazioni sull’istituzione scolastica, sugli insegnanti e le attività che vengono progettate nel corso dell’anno. 

All’insegnante vengono  richieste, come sottolinea l’art. 38 del Contratto del personale della scuola, competenze disciplinari, pedagogiche, metodologico-didattiche, organizzativo-relazionali e di ricerca ma l’esperienza individuale e la pratica quotidiana  rappresentano  certamente un bagaglio culturale molto importante perché la flessibilità consente di adattare contenuti e metodi in situazioni sempre nuove. La classe è formata da alunni diversi sia per la preparazione che per substrato sociale e familiare. L’insegnamento individualizzato pone al centro del processo educativo l’identità di ogni alunno con i propri interessi e motivazioni ma anche, non di rado,  atteggiamenti di insofferenza e isolamento che devono essere accolti e valutati nella giusta misura per attuare interventi mirati al recupero della dimensione metacognitiva dell’apprendimento.

La gestione del gruppo-classe e della disciplina dipendono da molti fattori quali   la “ storia” della classe e delle dinamiche che si instaurano in essa, le “abilità educanti” e l’autorità  del singolo insegnante, la gestione dei conflitti e la condivisione di regole comunitarie nel rispetto dell’ambiente e del personale scolastico. Anche gli insegnanti come gli alunni hanno una diversa personalità e quindi modalità differenti  di gestire la relazione educativa, ci sono metodi autoritari e permissivi che da un lato impediscono il dialogo e dall’altro creano un clima caotico e senza regole. Entrambe le situazioni sono disarmoniche e non riflettono un clima sereno ed equilibrato in cui insegnamento e apprendimento sono complementari e integrati per il benessere della collettività.  

Dallo  stile comunicativo dell’insegnante dipende in gran parte il clima positivo della classe, esso  rappresenta un indice dell’insegnamento efficace e delle abilità educanti . L’insegnante deve rappresentare un facilitatore e mediatore del processo educativo con capacità assertive e prosociali tese a stabilire con gli alunni  una relazione empatica ma chiara ed equilibrata  che abbia sempre come riferimento gli obiettivi che si intendono raggiungere.  

Il rapporto insegnante-alunno come quello genitore-figlio non può essere simmetrico e paritario, gli adulti hanno sempre il compito di fare da guida e da riferimento e  dare consigli , gli amici si trovano sempre e in altri contesti.  

Non esistono alunni, genitori e insegnanti ideali ma persone che esprimono attraverso la comunicazione e il linguaggio non verbale un proprio modo di essere.

Stare bene a scuola e in ogni altro ambiente in cui si lavora insieme significa cercare di dare il meglio di sé, ognuno secondo le proprie capacità per realizzare un mosaico di tessere colorate in cui le conoscenze individuali diventano patrimonio di tutti  e possono essere trasmesse e condivise nel tempo.

Per questo, come afferma John Dewey,  “L’istruzione è il frutto della partecipazione progressiva dell’individuo al patrimonio comune del genere umano”.

 

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 17.00 alle 20.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00 
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.