Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

Privacy e Termini di Utilizzo

diventa fan

Indice

 

Una stanza, delle persone sedute in cerchio, ognuno sulla sua sedia. Non conosco le persone che sono con me nella stanza. Nemmeno il trainer. È una donna, giovane, si chiama Roberta. Poche frasi per lasciarci immersi nel vuoto e poi la giostra di ognuno comincia a girare.  Per qualcuno la ruota panoramica è di una noia mortale, per altri sono le montagne russe accelerate. Io scalpito,mi spazientisco appena qualcuno inizia a chiedere direttive, mi spazientisco perchè penso non basti essere del primo anno per aver bisogno, da così presto, di indicazioni, io al primo anno non ero così...io ero più curiosa, io ero più umile, io ero più disposta a soffrire...
Io sono poco paziente! - ecco finalmente ci sono arrivata -  mi infastidiscono le persone che riescono a chiedere quando possono...io non sono in grado ancora di farlo...così la giostra gira e tutto torna a me, tutto un occasione per capire qualcosa in più di come funziono io, di quello che anticipo io...gli altri si gestiscano da soli, non sono affar mio. Ci vuole il silenzio e il meno possibile per rendermi conto che sono io al centro di tutto quello che mi frulla in mente, è sempre la stessa storia. Al primo anno ci ho messo due giorni a capire che le regole non ci sono 'davvero', perdiamo tempo a cercarle perchè siamo cocciutamente abituati ad averne. Trattasi di automatismo, siamo abituati a muoverci sui binari delle interazioni sociali, talmente abituati da non vederli e sentirci persi in mezzo ad un prato. Quest'anno ci ho messo molto meno a rendermi conto che stavo cercando il binario che  mi avevano tolto. Quando te lo tolgono hai la possibilità di vederlo. Sono questi gli strani meccanismi di noi esseri socializzati...sicché colgo l'Occasione, lancio un occhiata al mio binario e salgo sulla giostra.
Gli altri? Chi sono gli altri privati dei nomi, dei dati anagrafici e di tutte le cose che di solito li rappresentano? Tutte le cose di cui parliamo fuori da una stanza d'albergo intrisa di dinamica di gruppo ci proteggono, rassicurano, semplificano la vita, indicano la strada e inchiodano alla prevedibilità di come andranno gli eventi. Può capitare di sbirciare oltre e allora perdi la certezza che ci sia una realtà, perdi la certezza di sapere chi sei, quella certezza che solitamente ti serve per vivere come e con tutti gli altri ma, acquisti possibilità, guadagni angoli di te che non immaginavi esistessero, scopri di poter conoscere gli altri passando per altre vie che nulla hanno a che fare con le banalità della vita quotidiana.
..esco dalla giostra fisicamente, emotivamente, visibilmente sottosopra e sono diventata un freak. Mi sento de-socializzata, illuminata come un folle che ha trovato un nuovo delirio a cui credere. Il  mio delirio non ha nulla di diverso da quello di un pazzo come lo chiamerebbero fuori dall'albergo delle dinamiche; mi sembra di poter vedere le trame delle relazioni sociali, mi sembra di ascoltare discorsi sempre uguali, mi capita di anticipare quello che uno sconosciuto mi dirà...e a volte mi annoio, vorrei parlare con quello che sta sotto, dietro le ragnatele...ma non tutti ne hanno voglia, e li capisco. Solo che io non posso tornare indietro. Qualcuno ha detto che una volta che hai scoperto le regole del gioco non puoi più continuare a giocare. Quindi? Quindi ho perso parecchi compagni di gioco, ma con i pochi che restano faremo faville.
Ho ancora molto da imparare, la mia realtà è solo una delle tante, il tessuto sociale che al momento mi annoia nei suoi schemi e nella sua ripetitività è necessario alla sopravvivenza della società. Il tessuto sociale - che vedi meglio quando non c'è- è la bacchetta magica che ci serve per entrare in relazione e muoverne i fili per il cambiamento, è la gabbia o l'aria di libertà, dipende dai punti di vista.
Quel tessuto sociale che a volte vorrei spazzare via è lo stesso che mi permette di mettermi in relazione con le persone che vengono da me chiedendomi aiuto, è lo stesso che autorizza una persona in difficoltà a rivolgersi ad un terapeuta della psiche...

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.