Indice



Il ruolo degli adulti
Considerando che lo sviluppo umano è dato dal più o meno armonioso incontro del substrato organico con l'ambiente di relazione dell'individuo, il ruolo dell'adulto è fungere da mediatore saggio, maturo, consapevole, tra questi due habitat.
In altre parole, il nostro intervento educativo deve far sì che possa aver luogo questo incontro fisiologico e dinamico nel modo migliore, predisponendo per quanto possibile un ambiente stimolativo adeguato all'espressione delle potenzialità innate (autopoiesi).

L'educazione, in questo senso, non deve limitarsi a fornire dati di conoscenza (informazione) ed a permettere la formazione, ma deve rappresentare lo strumento elettivo dell'individuazione, dello sviluppo dell'individualità, ossia dell'emersione di quell'unicum dinamico dato dall'incontro, per così dire, tra natura e cultura.
Noi educatori, genitori, insegnanti, abbiamo un ruolo importantissimo in questo processo di sviluppo, un ruolo complesso e di grande responsabilità, soprattutto nella fase storica attuale in cui, come accennato, emerge una terza dimensione nelle relazioni umane, quella virtuale.
Questo complicato intersecarsi di dimensioni ci obbliga ad uscire dalla logica lineare, bidimensionale, del tipo binario o. o., se. allora., e ad entrare nella logica sistemica, circolare, di tipo multifattoriale, che dà vita ai processi auto-poietici, dai quali può emergere l'autodeterminazione individuale.

Nella prima fase di sviluppo, allorquando il bambino vive soprattutto di emozioni, il ruolo dell'adulto è permettere il radicarsi di un solido attaccamento, foriero di sicurezza in se stesso, grazie ai noti processi di identificazione/separazione.
Nella seconda infanzia, il cosiddetto periodo di latenza, il ruolo dell'adulto è consentire al bambino di sperimentarsi serenamente nell'ambiente fisico-naturale e in quello di relazione, sostenendolo di fronte alle frustrazioni, arricchendolo di stimolazioni cognitive in sintonia con i suoi vissuti emozionali.
Tali stimolazioni devono raggiungere l'individuo, specialmente in età evolutiva, con gradualità e piacevolezza, fino a creare un dialogo tra i propri sensi (recettori degli stimoli) e l'ambiente esterno (che tali stimoli invia).

 

 

 

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.