I PROSSIMI LABORATORI PER BAMBINI

Indice

Due sono gli elementi che contraddistinguono una fobia. Da un lato, la possibilità che la paura irragionevole, possa condurre conseguentemente ad un ipofunzionamento di parti vitali dell'esistenza dell'individuo, come l'area lavorativa, sociale o sentimentale, portandolo quindi, ad un abbassamento della qualità della propria vita. D'altra parte, il soggetto risulta essere consapevole che la sua reazione è esagerata, ma non sa cosa farci, o meglio, come afferma Nardone, si trova in una posizione di "learned helpness", di impotenza appresa, per cui, sente che la situazione che teme è al di fuori del proprio controllo.

Il quadro sintomatologico si aggrava maggiormente se, a questo elemento se ne aggiunge un secondo, ossia se l'individuo in questione ha creato dentro di sé un "locus of control" interno, per cui è portato ad attribuire i propri insuccessi, oltre che i successi, non a fattori esterni a se stesso, ma interni alla propria persona.

Nardone, psicoterapeuta strategico, per questo motivo asserisce che sarebbe importante, per la diagnosi, indagare della persona, non tanto la possibile causa della fobia o la sua possibile evoluzione, quanto il "sistema percettivo-reattivo" del paziente, ossia quell'insieme di percezioni e reazioni che si vanno a costituire nella relazione soggetto-oggetto. A lungo termine tale sistema potrebbe, infatti, aggravare il quadro clinico della persona, conducendo quest'ultima ad un possibile stato depressivo, ad una reazione cronica all'attesa minaccia degli eventi o al ricorso di rituali di tipo ossessivo. Freud nel 1897 affermava, infatti, che poteva essere molto facile il passaggio dalla fobia all'ossessività, in quanto entrambi gli elementi coesisterebbero all'interno del soggetto; il loro comune denominatore sarebbe quello di una vera e propria limitazione della libertà ed autonomia individuale, mentre ciò che le differenzierebbe sarebbe il fatto che, mentre nel caso fobico il soggetto si può liberare dell'oggetto temuto, nel caso ossessivo il soggetto non può liberarsi delle proprie idee fisse.

 

 

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.