WORKSHOP & CORSI PER PSICOLOGI

corsiperpsicologi

DALLA BACCHETTA MAGICA AL FALLIMENTO TERAPEUTICO
Venerdì 21 Aprile,       workshop esperenziale 

 

Newsletter

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

 

moviePillola di Film

{tab=Recensione}
Primo film di un esperto regista di corti, “De bares” sovverte il tòpos del bar come luogo privilegiato d’incontro, dandocene una versione romanticamente cupa alla Poe. Con grande coraggio e profondità, Iglesias sceglie di raccontare l’altra faccia del bar, quella malinconica, irrecuperabile: il suo, è il “Bar” dei ricordi e degli incontri mancati, rinviati e al tempo stesso affidati all’ultratemporalità di fotografie appese per caso dai suoi avventori.

Melodie malinconiche e canti gregoriani accompagnano una handy cam che inchioda ogni personaggio con primi piani feroci e dilanianti, utili ad immortalare espressioni di solitudini screziate da una disperazione sobria e per questo ancor più violenta. Evocata da fotografie appese alla parete del bar, sfila sul grande schermo una galleria di personaggi tristi e disperati: un uomo che piange, un altro che si sente invisibile, una donna che tenta il suicidio, una madre che si droga, una ragazza pazza che reclama un amore impossibile, una moglie disperata per via di debiti che non potrà mai risanare... Ogni personaggio cova in sé eclatanti germi di follia, che esplodono in dialoghi assurdi, risate fragorose, pianti stranianti che (forse) sanno di finto, quasi una denuncia velata alla spettacolarizzazione del dolore.
In un’atmosfera così cupa e nichilista, emerge boccheggiante un immenso bisogno di condivisione mai soddisfatto, che esplode in un epilogo folgorante: l’irruzione, nel bar, di uno scheletro vivente. E’ solo l’ultimo dei tanti ossimori davanti cui ci pone quest’opera prima, affresco decadente in cui l’unico incontro davvero riuscito è consegnato all’al di là, in un appuntamento che si dà all’infinito, ma mai nel qui e ora. O forse sì, forse esiste una sola forza, dirompente e disperata anch’essa, in grado di sopravvivere al meccanismo ad orologeria della routine quotidiana e sovvertirlo fino a farlo impazzire: l’amore. Un abbraccio che mescola carne ed ossa apre una rosea speranza, ma dura solo pochi istanti: il “per sempre” non esiste, l’uomo è destinato a tornare polvere. Con un particolare, però: “siamo polvere, ma polvere innamorata”.

 

vota_star_30
{tab=Scheda tecnica}
Regista:
Anno di produzione:
Produzione:
Durata:  minuti

{tab=Curiosità}

Non ci sono curiosità

{tab=Riconoscimenti}
Non ci sono riconoscimenti

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.