Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

Privacy e Termini di Utilizzo

diventa fan

{tab=Recensione}
locandinaOrgoglio e pregiudizio di Joe Wright, decisamente fedele al romanzo di Jane Austen, porta sullo schermo uno spaccato della provincia inglese del diciottesimo secolo, proponendo una regia attenta ai particolari scenografici e una fotografia che, spaziando su suggestivi scorci paesaggistici, schizza un acquarello di un tempo che fu. Nella quiete della campagna inglese di fine settecento, la routine dei Bennet, una famiglia di media borghesia, viene rivoluzionata dall’arrivo del ricco scapolo Charles Bingley e del suo altezzoso amico Darcy: quale migliore occasione per l’ansiosa signora Bennet per far sposare una delle cinque figlie e assicurare la tranquillità economica alla tenuta? Se durante il primo tempo lo spettatore rischia di rimanere un po’ estraneo alla storia, la colpa non è imputabile all’ambientazione o ai dialoghi rigorosamente “stile Austen”: a non coinvolgere fino in fondo è l’eccessiva confusione con cui la tranquilla contea si trasforma in vetrina mondana; il ciarlare starnazzante delle sorelle minori e la maniacale ossessione della Bennet per garantire un “buon partito”alle figlie, estremizzata sino quasi a diventare una macchietta. Ma anche queste caratterizzazioni quasi forzate sono create ad hoc e concorrono a spiegare quel mondo in cui il matrimonio di convenienza era una consuetudine e la provenienza sociale era alla base delle relazioni sentimentali. Solo il tenebroso Darcy e l’orgogliosa Elizabeth, la secondogenita di casa Bennet, si distaccano da questa apparenza cercando di vivere in una prospettiva meno formale e di riaffermare i propri valori al di là del dover essere e del pregiudizio. Il cast è eterogeneo nella sua coralità ma nessuna interpretazione rimarrà alla storia. Spicca solo Keira Knightley che grazie all’ironia riesce a stemperare il sentimentalismo e ad ottenere una nomination all’Oscar. Meno incisivo Matthew MacFadyen che con il suo Darcy rimane in secondo piano e che, espressivamente parlando, perde un po’ in fascino quando abbandona la maschera altera e snob.

vota_star_30
{tab=Scheda tecnica}
Regista: J. Wright
Anno di produzione: 2005
Produzione: Gran Bretagna
Durata: 127 minuti

{tab=Curiosità}

Non ci sono curiosità

{tab=Riconoscimenti}
Non ci sono riconoscimenti

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.