WORKSHOP & CORSI PER PSICOLOGI

corsiperpsicologi

DALLA BACCHETTA MAGICA AL FALLIMENTO TERAPEUTICO
Venerdì 21 Aprile,       workshop esperenziale 

 

Newsletter

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

{tab=Recensione}
locandinaA metà fra Il principe di Machiavelli e l’I have a dream di Martin Luther King, il ritratto della politica che propone il regista e sceneggiatore è un equilibrio precario fra consensi e tradimenti, promesse e colpi alle spalle, alti ideali affogati in lauti buffet. Una politica che sa di marcio e che corrompe tutto ciò che tocca: anche l’animo più genuino si può comprare - non tanto con soldi, ma con ricatti, proposte di carriera, chimere promesse al momento giusto. Viene assunto per questo, il bravo giornalista interpretato da Jude Law, per scrivere e convincere, abbellire e camuffare, giustificare e scovare gli scheletri nell’armadio degli oppositori di un caimano rozzo ma astuto con il volto iper espressivo di Sean Penn.
Un tono sobrio, dimesso, ordinario (azzarderemmo anonimo) caratterizza la prima parte del film, in cui si narra la vicenda dell’ascesa al potere di un omuncolo qualunque di modeste condizioni economiche e culturali, pronto a farsi strumento politico pur di tentare di cambiare i meccanismi del potere a favore dei meno abbienti. Presto, invece, incarnerà lo stereotipo del tiranno per eccellenza, che spaccia nefandezze per buone azioni, sperpera soldi investendoli in donne e banchetti, ordisce trame e congiure in un climax di sopraffazioni e sete di potere. E’ da questa seconda parte, dal gusto più marcatamente noir, che il film prende piega e inizia a coinvolgere davvero in tutti i suoi intrecci morbosi e ingarbugliati, dove una languida Kate Winslet incarna il tepore mnemonico di un amore stagionato. Riuscito il gran finale, sospeso fra delitti a catena e complotti letali, che riesce a immortalare quel grigiume nefasto di una politica in cui all’inizio, così come alla fine, “c’è solo il male”.

vota_star_30
{tab=Scheda tecnica}
Regista: S. Zaillan
Anno di produzione: 2006
Produzione: Stati Uniti, Germania
Durata: 140 minuti

{tab=Curiosità}

Non ci sono curiosità

{tab=Riconoscimenti}
Non ci sono riconoscimenti

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.