WORKSHOP & CORSI PER PSICOLOGI

corsiperpsicologi

DALLA BACCHETTA MAGICA AL FALLIMENTO TERAPEUTICO
Venerdì 21 Aprile,       workshop esperenziale 

 

Newsletter

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

{tab=Recensione}
locandinaApplaudito all’ultima Mostra del cinema di Venezia, dove partecipava all’interno della terza edizione delle Giornate degli Autori, Come l’ombra della regista italiana Marina Spada è l’ennesimo ritratto proposto da un film-maker indipendente della solitudine e dell’alienazione nella società moderna. Un sentimento di frustrazione nei confronti della vita e di rassegnazione ad un’esistenza solitaria avvicina due donne distanti, Claudia e Olga, che seppure diversissime tra loro troveranno nel comune malessere interiore un punto di contatto che porterà ognuna a considerare l’altra come riflesso della propria piattezza esistenziale. La parte più interessante risiede nella metaforica rappresentazione della desolante periferia milanese, spigolosa con i suoi deserti di lamiere e acciaio, destinati ad edifici perennemente in costruzione sui quali il sole incandescente di agosto riflette la propria soffocante luce. Un territorio opprimente, che purtroppo la regista non riesce a sviluppare a pieno, lasciandolo ristagnare nell’incessante ripetitività delle azioni quotidiane di Claudia (un modo già visto e rivisto di rappresentare l’alienazione degli esseri umani) e nella pochezza dei discorsi, dovuti all’errore (sempre più frequente) di considerare per questi film la sceneggiatura come secondaria, quando invece sarebbe interessante sviluppare un tema come l’incomunicabilità proprio attraverso accurati dialoghi. Se da una parte l’idea finale di non rivelare pienamente la soluzione al mistero che circonda il film è degna di nota, soprattutto per gli spunti che offre allo spettatore per una riflessione sui temi dell’identità, della verità e dell’indifferenza, Come l’ombra non colpisce per la superficialità con cui affronta un tema oggi così di moda, senza osare e rimanendo in schemi stereotipati rassicuranti.

vota_star_20
{tab=Scheda tecnica}
Regista: M. Spada
Anno di produzione: 2006
Produzione: Italia
Durata: 87 minuti

{tab=Curiosità}

Non ci sono curiosità

{tab=Riconoscimenti}
Non ci sono riconoscimenti

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.