WORKSHOP & CORSI PER PSICOLOGI

corsiperpsicologi

DALLA BACCHETTA MAGICA AL FALLIMENTO TERAPEUTICO
Venerdì 21 Aprile,       workshop esperenziale 

 

Newsletter

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

{tab=Recensione}
locandinaEsistenze ferite da un’infinita solitudine, anime disperse in un disorientante mondo indifferente, eppure tutte estremamente legate dal filo tragico di un colpo d’arma da fuoco. È il ritratto della nostra società globale realizzato da Alejandro Gonzalez Inarritu, esperto in puzzle narrativi (21 grammi), ma che con questo Babel allarga il punto di vista, estendendo a tutti i continenti l’analisi sull’incomunicabilità e la solitudine del nostro tempo. La narrazione coinvolge, infatti, tre luoghi estremamente distanti sulla carta geografica, due situati agli antipodi (il Messico e il Giappone) e uno a metà (il Marocco), quello in cui si svolge l’incidente scatenante dell’intera vicenda: due bambini, giocando con il fucile che il padre ha avuto in dono da un uomo giapponese, sparano per sbaglio ad una donna americana in viaggio con il marito, i cui figli sono rimasti a casa con la tata messicana. Inarritu usa questa storia per descrivere con sguardo pessimista la tanto decantata globalizzazione, che invece di unire non fa altro che dividere, lasciando che sia il dolore a rimanere l’unico punto di contatto tra gli uomini. Il regista è abile nel saper tracciare gli aspetti delle singole società, dall’allegro e colorato Messico, allo psichedelico e alienante Giappone, fino al caldo e desolante Marocco, muovendosi sempre con estrema sobrietà (grazie anche all’evocativa colonna sonora composta dall’argentino Gustavo Santaolalla). Con straordinari interpreti, Babel è una fedele rappresentazione della triste realtà dei nostri tempi, dove il silenzio dell’anima e dell’assenza di amore risulta più rumoroso e lancinante della caotica frenesia che ci circonda.

vota_star_50
{tab=Scheda tecnica}
Regista: A. Gonzalez Inarritu
Anno di produzione: 2006
Produzione: Stati Uniti
Durata: 144 minuti

{tab=Curiosità}

Non ci sono curiosità

{tab=Riconoscimenti}
Premi Oscar 2007: miglior colonna sonora
Golden Globe 2007: miglior film drammatico
Premi BAFTA 2007: miglior colonna sonora
Premio alla miglior regia al Festival di Cannes 2006
National Board of Review Awards 2006: miglior performance rivelazione femminile (Rinko Kikuchi)
Satellite Awards 2006: miglior colonna sonora originale
David di Donatello 2007: miglior film straniero

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.