Forse ti interessa...

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

Privacy e Termini di Utilizzo

diventa fan

{tab=Recensione}
locandinaL’ultimo film-rivelazione del regista di In Good Company, About A Boy e American Pie colpisce nel segno: dissacrante, ironico e accattivante, prende di mira, oltre all’America in toto, il mondo marcio dello star-system, ormai globalizzato ed esteso a tutti i paesi occidentali e non. Basti pensare all’inedita figura, maldestra e caciarona, di un presidente (degli USA, ovviamente: qui Mr. Bush è più che evocazione) versatile e persino simpatico, grazie all’irresistibile Dennis Quaid, in ordine: bambinone, capriccioso, pigro, ignorante, vanitoso, ridicolo, ma anche democratico, patriottico e, in fondo, buono.
La trama, pur giocando su piani e personaggi estremamente diversi fra di loro (marines, ebrei, first ladies, aspiranti stelline televisive e terroristi per caso), è incentrata sulla frenetica voglia di emergere di giovani non-talenti, pronti a tutto pur di accaparrarsi il titolo di vincitori del programma televisivo più popolare d’America: “American Dreamz” (da cui il titolo del film).
Tiene le fila di tutto il vorace macchinario mangia-vite dello spettacolo televisivo il cinico e brillante Martin Tweed, il grande burattinaio (che ricorda di riflesso la figura meschina e un po’ patetica del suggeritore-segretario di stato, a cui dà vita il grande Willem Dafoe), un conduttore finto e senza scrupoli dalle manie d’onnipotenza e dall’ego smisurato, che vanta l’interpretazione di un incredibile Hugh Grant, probabilmente alla sua migliore prova professionale.
Pare che il film sia stato un vero e proprio flop in America. Chissà perché. Forse ad aggravare ulteriormente la situazione c’è il fatto che in questa giostra metacinematografica – dove il piccolo schermo si tuffa nel grande e la tv fa paradossalmente da protagonista- il richiamo ad un reality show contemporaneo, chiamato guarda caso American Idol,  si sente fin troppo.
Ogni riferimento è dunque puramente volontario, in questo film cattivo e tagliente fino alla fine.

vota_star_30
{tab=Scheda tecnica}
Regista: P. Weitz
Anno di produzione: 2006
Produzione: Stati Uniti
Durata: 107 minuti

{tab=Curiosità}

Non ci sono curiosità

{tab=Riconoscimenti}
Non ci sono riconoscimenti

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.