Newsletter

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

diventa fan

{tab=Recensione}
locandinaPollo e Curry (scelta dei nomi davvero infelice) sono due rampolli dell'alta borghesia romana. Bocciati all'esame di maturità, convincono le loro famiglie a mandarli in vacanza in India con la scusa di ritrovare la famiglia d'origine di Curry, facendo leva sul senso di colpa dei suoi genitori adottivi. Ma il loro vero scopo è quello di evitare i rimproveri e le ripetizioni di Latino a cui sarebbero sottoposti a seguito della bocciatura...
Ebbene sì: Pollo e Curry sono due ragazzini odiosi! Due antipatici figli di papà "fancazzisti" che passano le loro giornate a sputare ai passanti dai loro lussuosi attici. Francesca Archibugi non fa nulla per renderceli più simpatici nè nasconde errori e colpe dei loro genitori, assenti e colpevolmente incapaci di trovare un senso alle vite di quegli "alieni" che chiamano figli. Un quadro tristemente analogo a quello dei "tremendi sotto il cielo" di "mocciana" memoria. Laddove, però, Federico Moccia faceva dei suoi Step, Babi e Gin (sigh) dei simboli assoluti, validi a rappresentare, nella sua presuntuosa e assai furba visione, un'intera generazione di "gggiovani", la Archibugi ha il pregio di "estirpare" eventuali derive sociologiche per fare quello che ogni buon narratore dovrebbe fare: raccontare una storia. Non a caso, i suoi Pollo e Curry (sigh), in un momento del film, gridano: "noi non siamo TUTTI gli italiani, siamo soltanto noi due!" Non "simboli", dunque, ma persone, che attraverso il loro viaggio in India e l'incontro con una dottoressa italiana membro di un'associazione umanitaria (Giovanna Mezzogiorno) finiranno, inevitabilmente, col trovare se stessi. Forse è proprio questa ingenuità, questa infinita speranza con cui circonda i suoi due personaggi, il vero peccato commesso dalla Archibugi. Un peccato criticabile, senza dubbio, ma altrettanto indubbiamente preferibile a quello di presunzione commesso da chi si pone "tre metri sopra il cielo" a guardare il mondo...

vota_star_20
{tab=Scheda tecnica}
Regista: F. Archibugi
Anno di produzione: 2006
Produzione: Italia
Durata: 106 minuti

{tab=Curiosità}

Non ci sono curiosità

{tab=Riconoscimenti}

Non ci sono riconoscimenti

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.