{tab=Recensione}

copertinaAnche se Corrado Augias lo ha definito uno dei migliori gialli legali usciti in Italia, non aspettatevi i ritmi narrativi frenetici e le trovate sceniche, spesso un po’ tirate, a cui la recente narrativa di settore ci ha abituato. Testimone inconsapevole, prima ancora della soluzione di un caso giudiziario, è l’analisi introspettiva di un uomo, il viaggio alla ricerca dei cocci di una vita. Guido Guerrieri, avvocato penalista demotivato e senza più stimoli professionali né affettivi, è a pezzi quando accetta la difesa di Abdou Thian, un ambulante senegalese accusato di aver seviziato e ucciso un bambino. Più che un incontro è uno scontro perché Abdou per diffidenza e differenza culturale è un muro difficile da penetrare, ma soprattutto perché Guerrieri dovrà destreggiarsi tra opinione pubblica schierata e inquirenti frettolosi di chiudere un’indagine dall’esito sin troppo scontato. L’iter processuale si snoda puntuale, senza assi nella manica del penalista e senza che nessun deus ex machina scenda sul più bello a scrivere la sentenza: l’unica tattica difensiva possibile sembra, infatti, quella di dimostrare come il preconcetto possa condizionare un’intera indagine investigativa. Scontato? Retorico? Per niente. Anzi è la risposta a chi obietti che il rito processuale italiano non possa competere con i plateali colpi di scena dei legal thriller alla Grisham. E l’Autore, pur avendo tutti i mezzi per spingersi in un’analisi tecnica della procedura penale –nella vita Carofiglio è magistrato prima ancora che scrittore- riesce a non cadere nella tentazione del gergo degli addetti ai lavori che avrebbe soffocato la leggerezza dello stile. Le vicende personali di Guido, questo avvocato no global appassionato di musica e cinema, sono semplici; narrate in modo ironico grazie al racconto in prima persona, procedono dividendosi la scena con l’intreccio giudiziario. Finirà che queste due realtà, legate a filo doppio, decreteranno la riuscita della trama perché più l’avvocato si infervora alla causa, più l’uomo ritrova se stesso. Ci riuscirà a modo suo.

{tab=Scheda tecnica}
Autore: G. Carofiglio
Titolo: Testimone inconsapevole
Casa editrice: Sellerio
Anno di pubblicazione: 2002

{tab=Conosci l'autore}

autoreMagistrato dal 1986, è stato designato consulente della Commissione bicamerale Antimafia. Gianrico è fratello dell'architetto, regista teatrale, illustratore e scrittore Francesco Carofiglio. Il 22 febbraio 2008 viene annunciata la sua candidatura al Senato per il Partito Democratico e nelle elezioni del 13 e 14 aprile dello stesso anno viene eletto senatore.
Testimone inconsapevole (2002), è la sua opera esordiente: il romanzo che ha aperto il filone del legal thriller italiano, ha vinto il Premio del Giovedì "Marisa Rusconi", il premio Rhegium Iulii e il premio Città di Cuneo e, infine, il Premio Città di Chiavari. Nel 2003 esce la seconda opera Ad occhi chiusi (Sellerio, 2003), che vince il premio Lido di Camaiore e il prestigioso premio delle Biblioteche di Roma. Nel 2007 viene eletto in Germania, da una giuria di librai e giornalisti: "il miglior noir internazionale dell'anno". Vincitore del Premio Bancarella del 2005 con il romanzo Il passato è una terra straniera (Rizzoli, 2004), nel settembre 2006 ha pubblicato un altro romanzo che vede il ritorno, quale protagonista, dell'avvocato Guerrieri: Ragionevoli dubbi (Sellerio).

{tab=Curiosità}
Il 12 settembre 2007 è stato pubblicato da Rizzoli Cacciatori nelle tenebre, una graphic novel con protagonista l'ispettore Carmelo Tancredi, illustrata dai disegni del fratello dell'autore, Francesco.

{tab=La citazione}
non sono presenti citazioni

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.