Genitori non si nasce ma nemmeno si diventa se nel profondo non si è sviluppata una crescita psicologica in grado di dare ai figli sicurezza e protezione, se si è ancora prigionieri di una visione della vita priva radici emotive, di una alfabetizzazione sentimentale in grado di trasmettere empatia  e condivisione, il senso di appartenenza che rappresenta la trama di un tessuto sociale qualitativamente valido.  
I legami di sangue hanno bisogno un nuovo trapianto, il cuore che restituisca nuova vita e linfa di rinnovamento alla società, oggi purtroppo  liquida e in disfacimento.

La società è per definizione l'insieme di persone che, assumendo comportamenti condivisi, tendono ad obiettivi comuni. 

I termini "comunità " e " condivisione" sono alla base dello sviluppo del tessuto sociale nel quale la storia, con le sue vicende, ha lasciato tracce importanti orientando e amalgamando pensieri, idee e ideali degli uomini. Uomini e società quindi sono legati da un percorso comune di conoscenza, entrambi testimoniano che la civiltà è la costruzione di leggi, regole che tutelano la libertà, l'uguaglianza, i diritti inviolabili della persona.
Le vicende economiche di questi ultimi anni hanno prodotto conseguenze gravi che hanno minato gradualmente le basi della società civile. La famiglia rappresenta il nucleo primario della società, in essa si stabiliscono le prime relazioni affettive, i modelli comportamentali che orientano i principi educativi dello sviluppo integrale della personalità, ma proprio in famiglia si celano insidie, forme di violenza verbale e fisica, abusi che vengono alla luce solo in casi estremi.
Assistiamo, purtroppo ogni giorno, a notizie sconvolgenti e incomprensibili razionalmente che fanno crollare l'idea stessa di famiglia, luogo per antonomasia di protezione e sicurezza che si rivela invece spettacolo di violenza inaudita in cui le vittime inconsapevoli sono sempre donne e bambini.
I legami affettivi appaiono spesso agli occhi dell'opinione pubblica con un alone di pura e semplice normalità, quella normalità che non da' segnali di cedimento o indizi che possono far presagire il peggio.

Nella famiglia tuttavia i legami di sangue sono diventati un vincolo di oppressione, un buco nero di incomunicabilità e isolamento che allontana i membri che la costituiscono, ognuno di fronte alla solitudine di un  esagerato egoismo che tende a ingigantire desideri perversi di affermazione e supremazia.
Il filo di Arianna con il quale la comunità familiare si è sviluppata (pensiamo alla famiglia patriarcale o matriarcale) si è spezzato sotto le forti pressioni dei cambiamenti radicali che la società ha subito nel corso degli anni.
Il senso della genitorialità (che un tempo significava anche trasmissione di cultura popolare, insegnamenti finalizzati alla crescita del sapere e del saper fare) è spesso frutto di scelte poco consapevoli che portano spesso a separazioni più o meno forzate e anche ad atti inspiegabili  sul piano morale come il femminicidio e l'infanticidio.

Genitori non si nasce ma nemmeno si diventa se nel profondo non si è sviluppata una crescita psicologica in grado di dare ai figli sicurezza e protezione, se si è ancora prigionieri di una visione della vita priva radici emotive, di una alfabetizzazione sentimentale in grado di trasmettere empatia  e condivisione, il senso di appartenenza che rappresenta la trama di un tessuto sociale qualitativamente valido.  
I legami di sangue hanno bisogno un nuovo trapianto, il cuore che restituisca nuova vita e linfa di rinnovamento alla società, oggi purtroppo  liquida e in disfacimento.

In questo mare che scioglie legami e affetti l'uomo rischia di diventare il padre-padrone, colui che decide della vita e della morte, un dio infernale incapace di generare, custodire e alimentare promesse e aspettative per un futuro migliore.

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 17.00 alle 20.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00 
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.