Forse ti interessa...

WORKSHOP & CORSI PER PSICOLOGI

corsiperpsicologi

DALLA BACCHETTA MAGICA AL FALLIMENTO TERAPEUTICO
Venerdì 21 Aprile,       workshop esperenziale 

 

Newsletter

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

imageSecondo questa regola in realtà è solo il 20% che muove l’80% del mondo, ed è una regola che, nata per applicazioni di carattere economico, in realtà può essere usata per qualsiasi cosa. Seguendo tale principio… è il 20% dei nostri vestiti che mettiamo l’80% delle volte (alzi la mano chi dice che non è vero!), è il 20% degli impiegati che fa l’80% del lavoro in un’azienda, è solo il 20% di tutto quello che abbiamo messo nel carrello che costituisce l’80% di ciò che ci serviva davvero all’Ikea...

Cos’è il principio di Pareto?
Vilfredo Pareto, ingegnere, economista e sociologo italiano vissuto a cavallo fra il 1800 e il 1900, notò che curiosamente l’80% della ricchezza del proprio paese era concentrata nelle mani del 20% della popolazione, lasciando al restante 80% la spartizione del 20% della ricchezza, seguendo una curva rappresentabile con quello che è diventato noto come il Diagramma di Pareto (vedi figura più sotto), altrimenti noto come la regola del 80/20.

Spieghiamola subito.
Secondo questa regola in realtà è solo il 20% che muove l’80% del mondo, ed è una regola che, nata per applicazioni di carattere economico, in realtà può essere usata per qualsiasi cosa. Seguendo tale principio… è il 20% dei nostri vestiti che mettiamo l’80% delle volte (alzi la mano chi dice che non è vero!), è il 20% degli impiegati che fa l’80% del lavoro in un’azienda, è il 20% del nostro tempo che ci fa fare l’80% delle cose, è il 20% della tipologia di cibi che mangiamo che ci porta all’80% del nostro sovrappeso (qui chiedo a qualche nutrizionista di calcolare se può essere verosimile), è solo il 20% di tutto quello che abbiamo messo nel carrello che costituisce l’80% di ciò che ci serviva davvero all’Ikea, e mille altre, che potete divertirvi a calcolare sulla base della vostra esperienza personale. Sulla base del mio lavoro potrei dire che è solo il 20% delle mie sedute che servono all’80% della risoluzione dei problemi…ma non lo dirò! Come si legge un grafico di Pareto?

Nella figura tratta da http://www.vertex42.com potete vedere un esempio che si riferirà probabilmente al come mai molte persone non scaricano da internet o da un dato sito i template gratuiti per Excel (è una supposizione mia).

Le barre viola riportano tutta una serie di cause, dalla più frequente alla meno frequente (da sinistra a destra). Poi in alto possiamo vedere una linea rossa che sale da sinistra a destra, ci torneremo dopo. Sull’estrema destra del grafico vediamo riportate delle percentuali: rappresentano il totale dei casi presi in esame e vediamo che all’altezza dell’80% viene tracciata una riga rossa piatta e sottile che attraversa tutto il grafico. Orbene, osservate il punto in cui la linea ascendente rossa di cu parlavo prima e questa linea rossa piatta si incrociano (dove c’è la crocetta gialla): a sinistra di quel punto starà il 20% significativo di cause e a destra tutto il resto, quasi trascurabile. In questo caso specifico sono due le cause di maggior rilievo: le persone non riescono a scaricare il file oppure non riescono a trovarlo.
Ciò significa che …risolti questi due problemi, avremo risolto l’80% degli inconvenienti!

E ora…veniamo alla memoria. Che c’entra? C’entra perché anche la memoria non sfugge alle leggi di questo mondo e quindi non sfugge nemmeno alla legge di Spareto: è solo il 20% del nostro studio che dà l’80% del nostro sapere… è solo il 20% del nostro sforzo mnemonico che ci porta l’80% dei nostri ricordi…
Non allarmatevi, non avete perso l’80% del vostro tempo…in realtà l’80% dello sforzo che apparentemente risulta inutile serve da ‘contorno’, da ‘impalcatura’, da ‘dissipazione della fatica’.
Volete fare una prova?
Appena finito di leggere scrivete quello che vi ricordate di questo articolo e dopo analizzatelo: guardate se l’80% di quello che ricordate non è tutto sommato ‘fermato’ dal 20% di ciò che avete letto fin’ora… Buon divertimento!
PS se avete letto con attenzione e vi siete applicati a comprendere il principio di Pareto e , ancora di più, se avete cercato di applicarlo in modo originale ad un aspetto della vostra vita quotidiana…avete appena fatto un ottimo esercizio di brain training!

 

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.