WORKSHOP & CORSI PER PSICOLOGI

corsiperpsicologi

DALLA BACCHETTA MAGICA AL FALLIMENTO TERAPEUTICO
Venerdì 21 Aprile,       workshop esperenziale 

 

Newsletter

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

spontaneoUna riflessione sul modo in cui le categorie concettuali utilizzate dagli individui diventano convenzioni sociali di linguaggio di senso comune fino a determinare atteggiamenti e comportamenti che vanno ad etichettare gli individui stessi come dotati una personalità olistica ispirata al principio tradizionale della dicotomia del bene o del male, oppure del vero o del falso, tralasciando l'opportunità di poterli invece interpretare in funzione della loro ambivalenza e complessità.

Nel linguaggio di senso comune che cos'è la spontaneità? Essere veri, se stessi, semplici, spontanei, autentici. Queste sono soltanto alcune delle definizioni di spontaneità e hanno quasi
sempre una valenza positiva per tutti gli individui definiti o che si
definiscono essere tali. Allo stesso modo  la non spontaneità ha quasi sempre un'accezione di tipo
negativa: falsi, non veri, costruiti, finti, fasulli, tarocchi. Ma cos'è che definisce veramente  un individuo nella sua spontaneità ed autenticità? E se in realtà questa spontaneità fosse costruita cadrebbe forse il mito della sua illusione e risulteremmo essere tutti falsi e costruiti?
Forse non è esattamente così! Basterebbe ragionare in termini diversi soffermandosi a riflettere sul termine in questione spontaneità, e provare a mettere in discussione in profondità le radici sociali e culturali con le quali tale termine viene utilizzato.
Riflettere sui significati pre-compresi nella loro universalità, su come si consolidano e si legittimano fino a radicarsi ed a fossilizzarsi facilmente nelle coscienze degli individui,
divenendo sacralità di linguaggi condivisi e di atteggiamenti di senso comune stereotipati che hanno il potere di definire e classificare comportamenti più o meno leciti e più o meno normali, oppure più o meno spontanei.
Connessioni ed associazioni generalizzanti di significati e di parole rimandano di frequente al termine "Spontaneo" nell'assegnazione di etichettamento a persone ed a comportamenti, e pongono spesso tale termine quale categoria suprema di riferimento e di giudizio degli stessi individui.
Ma quale significato e contenuto simbolico nella sua estremizzazione può assumere il termine "Spontaneo" per gli individui che vi fanno di continuo riferimento?
Cosa può esserci di più spontaneo ad esempio nel gesto di una madre che sacrifica la propria vita per quella del figlio che stà per essere investito da un'automobile che corre ad alta velocità? In questo caso "Spontaneo" trova un suo sinonimo, che è quello di "altruistico", o meglio ancora,
"altruistico e naturale", ed assume valenza puramente positiva. Si prenda un caso totalmente diverso, la ringhiera di un balcone. Sappiamo bene che sporgersi dalla ringhiera di un balcone, fa parte di un comportamento spontaneo, naturale, ma in realtà precompreso. Nel momento in cui mi sporgo, infatti, agisco in virtù di uno schema mentale ben preciso che mi consente di valutare in una frazione di secondo che le ringhiere dei balconi sorreggono le persone che vogliono affacciarsi a guardare un panorama evitando il pericolo di cadere nel vuoto.
L'azione abitudinaria  di affacciarmi dalla ringhiera di un balcone è stata interiorizzata a tal punto da divenire un gesto naturale e spontaneo, qualcosa che faccio in modo meccanico, senza quasi rendermene conto.
In questo caso "Spontaneità" non assume valenza in chiave di giudizio di valore su persone o su comportamenti se non quella di spontaneità, di naturalità, di gesto non pensato, pur essendo in realtà un gesto pre-pensato e pre-compreso.
Tornando all'esempio precedente, verrebbe da pensare che una madre che non sacrificasse spontaneamente la propria vita per quella del figlio, sarebbe agli occhi di tutti una madre cattiva, indegna. Si può essere certamente d'accordo! Ma se invece il gesto "spontaneo" di salvare il figlio non fosse conseguenza diretta di un comportamento del tutto  spontaneo, ma fosse stato appreso nel corso della sua esistenza da un valore etico, da un imperativo morale che prescrive come gesto naturale e spontaneo quello secondo cui tutte le madri dovrebbero sacrificare la propria vita per quella dei loro figli? Basterebbe a giustificare l'assegnazione al termine "non spontaneo", oppure costruito, oppure appreso, di una valenza puramente negativa? Non credo!
Una buona madre sceglie comunque di salvare suo figlio in maniera spontanea, ma forse si tratta di una spontaneità pre-compresa, costruita, manipolata, appresa in contesto storico e culturale ben preciso.
Non per questo il termine può assumere un significato ed un contenuto negativo o peggio dispregiativo. Quanti significati e significanti fanno riferimento nei discorsi di senso
comune degli individui al termine "Spontaneo" e sinonimi?
Ciò avviene quasi sempre in virtù di una valenza simbolica che il termine rappresenta per gli stessi individui, che fa della spontaneità una dote innata, appresa con l'educazione, o comunque qualcosa di autentico, di positivo, di veritiero nel giudicare e qualificare atteggiamenti e comportamenti della vita quotidiana degli stessi individui.
Ma il termine "Spontaneo" può essere legittimamente accostato a "Costruito" non assumendo valenza negativa, perchè le due accezioni si comprendono e si sposano perfettamente.
La spontaneità non costituisce sinonimo di veridicità, di unicità e di autenticità dell'essere, considerando il fatto che gli individui negoziano le proprie rappresentazioni identitarie individuali e collettive nei diversi contesti sociali in cui interagiscono in maniera più o meno"Spontaneamente costruita".

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.