Caratteristiche del disturbo da dolore sessuale e cosa si può fare a riguardo.

 Secondo uno studio condotto dal National Health and Social Life Survey in America, il 14,4% delle donne soffre di disturbi da dolore sessuale.

All’interno di questa categoria rientrano il Vaginismo e la Dispaurenia.

Caratteristiche del disturbo da dolore sessuale e cosa si può fare a riguardo.

 Secondo uno studio condotto dal National Health and Social Life Survey in America, il 14,4% delle donne soffre di disturbi da dolore sessuale.

All’interno di questa categoria rientrano il Vaginismo e la Dispaurenia.

Il vaginismo

Il Vaginismo

Quali sono le sue caratteristiche?

In questo tipo di disfunzione sessuale, si può osservare la contrazione involontaria della muscolatura vulvo-perineale che impedisce conseguentemente la possibile penetrazione da parte dell’uomo e l’associata sensazione di dolore nella donna. Per poter essere diagnosticato come tale, il movimento involontario appena descritto deve essere ricorrente e persistente, deve causare disagio o difficoltà relazionali e non può essere spiegato da un disturbo preesistente di ordine psicologico o per una condizione medica generale.
Nella diagnosi è inoltre importante capire se il disturbo è di ordine primario o secondario, generale o situazionale per procedere con un trattamento più idoneo.
Quali sono le cause?
Si possono distinguere cause superficiali e cause profonde. Nel primo caso, è possibile che la persona si trovi in una situazione conflittuale o stressante che non consente di vivere in modo sereno la sessualità con se stessi e con il partner. Nel secondo caso, il vaginismo è solamente la manifestazione corporea e psicologica di qualcosa di sommerso e che molto spesso correla paure irrazionali a conflitti intrapsichici  non risolti.  
Frequentemente si osserva nelle donne vaginismiche una mancanza totale di informazione non solo su ciò che riguarda la sessualità in senso lato, ma soprattutto sul proprio corpo; in particolari molte pazienti  hanno una grande difficoltà, di immaginare il proprio apparato genitale, quando richiesto.
In molti casi un ambiente familiare rigido e permeato da un’educazione religiosa molto forte, contribuisce all’insorgenza di questo disturbo. In casi più rari sono possibili casi di abuso e violenza non solo sessuale.

 

La dispaurenia

La Dispaurenia

Quali sono le sue caratteristiche?

Contrariamente al Vaginismo, nella Dispaurenia la penetrazione ed il rapporto sessuale possono avvenire, seppure con dolore di intensità variabile. Sebbene tale sensazione si presenti durante l’atto sessuale stesso, è possibile che insorga anche prima o dopo il rapporto intimo. Il dolore inoltre, può essere superficiale (spesso riferito durante la penetrazione) o profondo, come avviene durante le spinte coitali.
Secondo alcuni autori la dispaurenia è una sindrome di transizione: può quindi sfociare in un vaginismo vero e proprio di ordine secondario oppure in un disturbo dell’orgasmo (anorgasmia) o infine in un disturbo di eccitazione (la cosiddetta frigidità).
Contrariamente a quanto comunemente si pensa, la dispaurenia si verifica nei maschi e nelle femmine, sebbene sia maggiormente frequente in queste ultime.  
Quali sono le cause?
Da un punto di vista medico, per quanto riguarda la dispaurenia femminile, le cause più frequenti  sono: infezioni ed irritazioni genitali, traumi da intervento chirurgico, patologia pelvica o perianale, fimosi clitoridea e spasmo dei muscoli genitali. Nel caso della dispaurenia maschile si osserva: infezioni prostatiche ed uretrite, patologie delle vescicole seminali o dei testicoli, disturbi cardiovascolari, emicrania post-eiaculatoria.
Da un punto di vista psicologico le cause sembrano essere profonde e di non facile diagnosticabilità, se non tramite un’attenta analisi dei fattori che contribuiscono all’insorgenza ed al mantenimento del disturbo.
In particolare si osserva un alto grado di ostilità verso il partner, il più delle volte di natura inconscia, che trova espressione proprio nella sua somatizzazione dolorosa.
Oltre l’ostilità, nelle coppie con partner dispaurenico si osserva una lotta di potere non sempre esplicita (spesso la coppia afferma di non litigare mai e di vivere un rapporto d’amore bellissimo); in questi casi il sintomo sessuale permette alla persona che ne soffre di decidere per la realizzazione del rapporto, acquisendo di conseguenza una certa dose di potere sul partner.
Attraverso la dispaurenia una persona può inoltre esprimere dei malesseri legati alla vita di coppia, come il desiderio di concludere il rapporto, il dolore per un tradimento subìto o infine anche una paura inconscia di maternità. Altre cause psicologiche sono una preesistente depressione e disturbi dell’immagine corporea o forti sensi di colpa ed incapacità di lasciarsi andare ad un rapporto sereno con l’altra persona.

 

Quando andare dallo specialista?

Quando andare dallo specialista?
In realtà il dolore durante il rapporto sessuale è possibile, soprattutto durante i primi rapporti o, come abbiamo detto, a causa di una possibile infezione genitale. Molto spesso inoltre il dolore può essere determinato da una scarsa stimolazione durante il rapporto (e conseguente ridotta lubrificazione) rendendo la penetrazione più difficile. Altre volte l’atmosfera poco rilassante, la paura e l’insicurezza possono ostacolare un soddisfacente rapporto sessuale.
Quando il dolore comincia a essere persistente nel tempo e ricorrente nei rapporti sessuali, è bene rivolgersi ad uno specialista. Attendere è comunque la scelta peggiore in quanto spesso si rischia di associare involontariamente il dolore provato alla relazione intima con l’altra persona e questo può influire negativamente sul desiderio, facendolo diminuire.

 

Possibili terapie

Quale possibile terapia per un disturbo da dolore sessuale?
Nei casi in cui il dolore diventa come detto persistente e comporta disagio per se stessi e per la vita di coppia, è bene rivolgersi ad un Sessuologo.
All’interno del processo di risoluzione del sintomo sessuale descritto, schematicamente si possono suddividere tre fasi.

  1. Una prima fase concerne l’accertamento della presenza o meno di cause organiche e mediche attraverso una visita ginecologica o andrologica.
  2. Successivamente si procede con la comunicazione delle informazioni anatomo-fisiologiche dell’apparato genitale ed allo stesso tempo nell’analisi della storia di vita della persona che soffre di dispaurenia, approfondendo le dinamiche di coppia e familiari.
  3. La terza fase coincide con il trattamento psicoterapeutico vero e proprio e consiste tra l’altro in una serie di tecniche sessuologiche che permettono il graduale miglioramento del sintomo e la possibilità di vivere il rapporto sessuale con maggiore serenità.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

MenteSociale

studio mix

Indirizzo dello studio: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 5, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Dal lunedì al venerdì. dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.