5 PER MILLE

Iscriviti alla Newsletter di MenteSociale!

Email

Il tuo nome:


schizofreniaPossono parere simili ed invece sono diversi nel profondo.
Nel profondo dove c’è il desiderio e quindi la sofferenza.
Ma entrambi sono fatti di isolamento e chiusura – e, proprio perchè le similitudini sono solo apparenti, si tratta di due disturbi di personalità definiti in categorie separate.

Ciò che caratterizza queste patologie è la diffusione all’interno della personalità dell’individuo, il loro essere un modo pervarsivo di comportarsi e porsi che influenza l’esistenza tutta, ripetendosi in modo spesso inadeguato alle circostanze – tratti che non si modificano, non elastici al mutare delle situazioni, ma che persistono, quasi ottusi e senza dubbio inadeguati.
Per l’eterogeneità di questi disturbi, la classificazione è stata fatta creando tre classi che racchiudono le distinte ossature del disagio : disturbi legati a un modo di porsi bizzarro (schizoide, schizotipico, paranoide), disturbi che hanno a che vedere con la sfera emotiva (istrionico, narcisistico, antisociale e borderline) e disturbi connotati dall’ansia (evitante, ossessivo-compulsivo, dipendente).
Ecco dunque che l’affezione schizotipica e quella evitante sono in due categorizzazioni diversi.
Per il desiderio frustrato e la sofferenza che l’uno prova – e non l’altro.

 

 

 

schizofreniaPossono parere simili ed invece sono diversi nel profondo.
Nel profondo dove c’è il desiderio e quindi la sofferenza.
Ma entrambi sono fatti di isolamento e chiusura – e, proprio perchè le similitudini sono solo apparenti, si tratta di due disturbi di personalità definiti in categorie separate.

Ciò che caratterizza queste patologie è la diffusione all’interno della personalità dell’individuo, il loro essere un modo pervarsivo di comportarsi e porsi che influenza l’esistenza tutta, ripetendosi in modo spesso inadeguato alle circostanze – tratti che non si modificano, non elastici al mutare delle situazioni, ma che persistono, quasi ottusi e senza dubbio inadeguati.
Per l’eterogeneità di questi disturbi, la classificazione è stata fatta creando tre classi che racchiudono le distinte ossature del disagio : disturbi legati a un modo di porsi bizzarro (schizoide, schizotipico, paranoide), disturbi che hanno a che vedere con la sfera emotiva (istrionico, narcisistico, antisociale e borderline) e disturbi connotati dall’ansia (evitante, ossessivo-compulsivo, dipendente).
Ecco dunque che l’affezione schizotipica e quella evitante sono in due categorizzazioni diversi.
Per il desiderio frustrato e la sofferenza che l’uno prova – e non l’altro.

 

 

 

Il disturbo schizoide

Il disturbo schizoide
Il disturbo schizoide di personalità : il distacco, l’emozione che non ha posto, l’affettività che si appiattisce.
Di fronte a una persona che ne soffre si può restare sorpresi dalla ‘freddezza’ che traspare, da un disinteresse costante verso ciò che umanamente, di solito, si ha e si cerca : l’altro, il contatto, la comunicazione, la relazione amicale, familiare piuttosto che sentimentale.
Quasi mancasse quella stereotipata scintilla di vita e voglia di essa, che ci fa riconoscere fra noi stessi, qualcosa che ci appare naturale.
Solo nell’incontro occasionale e superficiale può proporre un’immagine ‘normale’, ma un lieve approfondimento porta comunque alla luce l’inadeguatezza dell’interazione – anche a livello sessuale non vi è alcuna ricerca e questo sorprendere, poichè parliamo del modo più ancestrale e pressocchè necessario di avvicinamento.
Si cercano attività e occupazioni solitarie, la famiglia non è sentita e partecipata come di solito accade, il con-dividere è disturbante dei propri usuali ritmi di ‘quiete’ – il non tenere per nulla a far parte del mondo.
Questo modus operandi copre tra l’altro la gamma completa delle percezione e delle manifestazioni, non solo in termini positivi, ma anche negativi : non si riesce a esprimere rabbia o nulla d’altro, come se si fosse nascosti in un luogo lontano, un altrove che non risponde alle regole riconosciute (nemmeno le critiche o la disapprovazione smuovono la persona affetta da questo disturbo).
L’appartarsi perpetuo è un modo per alllontanarsi da una realtà che è intrusiva – totale anedonia (l’assenza di quella ricerca istintiva delle mille è più forme di piacere che inseguiamo per dare alla nostra vita dignità e sollievo).

 

 

 

I ldisturbo evitante

Il disturbo evitante
Anche l’individuo affetto da disturbo evitante lo troverete probabilmente chiuso nella propria stanza, ma per altro motivo: il rifiuto.
Anelano con forza all’altro, a partecipare pienamente, ma non riescono – il timore di non essere accettati, la visione catastrofica di sè e del proprio valore, l’insopportabile idea di non essere adeguati (tutto questo paralizza totalmente).
Il coinvolgimento li fa letteralmente fuggire, con una disperata coda di depressione : si scappa da qualcosa che (si teme) mostrerà il proprio non essere all’altezza di, che esporrà alla derisione, a una pochezza presunta e che viene letta negli occhi degli altri.
La perenne vergogna che prova e la consapevolezza della propria prigione, accanto alla sofferenza dell’essere soli, fa di questo disturbo una gabbia estenuante in cui sopravvivere – si teme d’essere inferiori, ci si esclude, si è convinti di essere ‘diversi’, una diversità irrecuperabile.
Spesso questo tipo di personalità si riscontra in chi, da bambino e nell’ adolescenza, ha avuto intensi vissuti d’ansia – una sorta di continuum, uno sprofondare.

 

 

 

Bibliografia


BIBLIOGRAFIA
DSMI IV-TR
Pazienti trattabili e non trattabili. I disturbi di personalità, Michael H. Stone , Cortina 2007.
http://www.oasiblu.com/personalita.htm
http://www.ipsico.org/disturbo_evitante_di_personalit%C3%A0.htm
http://www.terzocentro.it/index_file/Evitante.htm
http://www.psicologiapsicoterapia.com/personalita/evitante.htm
http://www.clinicadellatimidezza.it/a_i/disturbo_evitante_personalita'.htm
http://www.psicologiapsicoterapia.com/personalita/schizoide.htm
http://www.ipsico.org/disturbo_schizoide_di_personalit%C3%A0.htm
http://it.wikipedia.org/wiki/Disturbo_schizoide_di_personalit%C3%A0

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

MenteSociale

studio mix

Indirizzo dello studio: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 5, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Dal lunedì al venerdì. dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Visitatori online

Abbiamo 769 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.