Indice

 

 

Fattori specifici di rischio

Cause sociali

Cause relazionali intrafamiliari

  • Patologia delle relazioni tra genitori
  • Conflitti nella coppia genitoriale con esposizione dei figli
  • Età dei genitori (troppo giovane o troppo avanzata)
  • Inversione dei ruoli genitoriali
  • Genitori con pattern di attaccamento fortemente insicuri/disorganizzati
  • Promiscuità nelle relazioni
  • Esposizione alla violenza domestica (violenza assistita).

Patologie genitoriali (psicosi, D.P. bordeline, gravi forme di ansia o depressione, tossicodipendenza, alcolismo, sociopatia, insufficienza mentale, passato di violenza familiare)

Patologie del bambino (neonatali, croniche, disabilità fisiche o psichiche, deficit di apprendimento, disturbi del sonno, pianto notturno e diurno, inibizioni o ipercinesia)

Rilevare i maltrattamenti e/o gli abusi sui minori, specialmente se perpetrati in famiglia, è compito delicatissimo.

E’ sempre più alto il rischio che un ascolto del minore presunto abusato eseguito senza le dovute cautele da parte di personale specializzato possa indurre a falsi negativi o a falsi positivi, ovvero a non individuare gli autori degli abusi oppure, più spesso, a ritenere abusanti individui estranei ai presunti abusi.

L’ascolto del minore presunto maltrattato o abusato deve necessariamente avvenire in un clima empatico, supportivo, facilitante il libero racconto del minore, in condizione di videoregistrazione per cogliere tutti gli aspetti possibili della comunicazione verbale ma anche di quella non verbale.

Sono da evitare domande chiuse, suggestive, induttive, così come sono da evitare commenti e affermazioni del personale addetto all’ascolto che potrebbero condizionare il prosieguo dell’esposizione del minore.

Sono infine da evitare ascolti ripetuti nel tempo, anche per scongiurare il rischio di vittimizzazione secondaria (il cosiddetto abuso istituzionale).

 Un caso particolare di abuso, considerato tale anche dalla Società Italiana di Neuropsichiatria Infantile, è quello del figlio strumentalizzato, triangolato dai genitori in conflitto e persino alienato da un genitore contro l’altro nel corso della separazione coniugale (PAS, Sindrome di Alienazione Genitoriale).

Non esistono ancora statistiche ufficiali, ma nella esperienza professionale di colleghi e mia si sta assistendo all’aumento di tale patologia delle relazioni familiari (PAS), nonché delle false denunce di abuso sessuale perpetrato dal padre contro il/la figlio/a.

In questi casi si tratta quasi esclusivamente di madri (cc.dd. malevole) che intendono impedire al coniuge l’accesso all’istituto dell’Affidamento Condiviso.

 

 

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.