Indice

 

 

 

 

Definizione e tipologie di violenza domestica

Secondo l’OMS - Organizzazione Mondiale della Sanità, è violenza domestica “ogni forma di violenza fisica, psicologica o sessuale che riguarda tanto soggetti che hanno, hanno avuto o si propongono di avere una relazione intima di coppia, quanto soggetti che all’interno di un nucleo familiare più o meno allargato hanno relazioni di carattere parentale o affettivo”.

Esistono diversi tipi di violenza perpetrata nella maggior parte dei casi dall’uomo sulla donna, sui minori o sugli anziani, tra cui si è soliti distinguere in:

La violenza fisica: si manifesta come un’ aggressione corporea contro la persona con comportamenti quali: spintonare, colpire, schiaffeggiare, percuotere, strangolare, tirare i capelli, provocare ferite con calci, ustioni, armi contundenti e/o da fuoco sino all’uccisione.

La violenza psicologica: consiste in comportamenti, azioni e parole che minano e mettono in pericolo l’identità e l’autostima, come ad es. insulti, controllo, minacce, isolamento, minaccia di morte o di suicidio (anche davanti a terzi), ricatti, pressione psicologica a mezzo di danneggiamento di oggetti importanti e/o sevizie sino all’uccisione di animali domestici.

La violenza sessuale: consiste in comportamenti a sfondo sessuale e in ogni forma di sessualità attiva e passiva imposte contro la volontà della donna, come ad es. ogni costrizione al sesso (anche con terzi o per soldi), ogni forma di denigrazione sessuale sino allo stupro. Per donne di determinate culture è da considerare violenza anche ogni forma di mutilazione degli organi sessuali.

La violenza economica: creare o mantenere una dipendenza economica, non dare alcun mantenimento o darlo in misura inadeguata, costringere all’assunzione di impegni finanziari, vietare o impedire il lavoro o la formazione, sfruttare il lavoro, abusare della disponibilità di mezzi finanziari.

La violenza assistita: spesso anche i/le bambini/e delle relazioni violente subiscono direttamente la violenza. Ma anche quando non sono coinvolti direttamente sono vittime della violenza assistita. Essi vedono, ascoltano, sentono sempre la violenza che subisce una persona per loro importante

Stalking: indica un comportamento persecutorio che attraverso azioni sistematiche e continue (persecuzioni, molestie, minacce, diffamazioni) mira a creare nella persona perseguitata uno stato di ansia, paura e impotenza che pregiudica fortemente la sua libertà e autonomia.

Le definizioni pongono in luce una serie assai vasta e molto eterogenea di comportamenti e finanche atteggiamenti che possono essere considerati violenti: ma allora tutte le famiglie sono violente? Come distinguere un alterco tra coniugi per trovare un accordo dall’aggressività verbale? Come differenziare una sculacciata per contenere un bambino irrequieto dal maltrattamento?

E’ dunque necessario, e niente affatto facile, stabilire il limite entro il quale è ammissibile parlare di violenze endofamiliari, per evitare che atti non violenti siano scorrettamente considerati come violenze (falso positivo) e che atti violenti siano viceversa trattati come non violenti (falso negativo).

A tal proposito l’affiancamento del consulente psicologo o psichiatra al giurista costituisce un valido ausilio in situazioni, come ad esempio quella familiare, in cui la peculiare condizione conflittuale richiede un specialistico e attento esame di atti e comportamenti palesi, ma anche di vissuti, dinamiche intrapsichiche ed interpersonali, sistemi di relazione, motivazioni e scopi.

Il 95% delle violenze domestiche che giungono all’attenzione dell’autorità giudiziaria è commesso dal marito sulla moglie, figli, anziani. In genere l’obiettivo della violenza è quello di ottenere il potere ed il controllo sulla vittima. Sono i casi in cui si parla di marito/padrone o padre/padrone.

Vengono usate forme di potere e controllo quali:

  • Coercizioni e minacce
  • Intimidazioni
  • Abuso emotivo
  • Abuso economico
  • Isolamento
  • Usare i privilegi maschili
  • Strumentalizzare i figli
  • Infine, minimizzare e negare

 

 

 

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 17.00 alle 20.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00 
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.