Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

Privacy e Termini di Utilizzo

diventa fan

Indice

 


La confessione
È vero, ci pensavamo da tanto tempo. Non ne potevamo più da anni di quelli lì, non si poteva andare avanti. Siamo stati noi..."
A partire dal momento in cui ha iniziato a fare la prima ammissione, Angela Rosa Bazzi non si è più fermata.
"Quella sera volevamo solo dare una bella lezione a quella del piano di sopra. Eravamo stanchi della maleducazione sua e dei suoi parenti ed amici. Odiavamo anche suo padre, Carlo Castagna”.
Mancano circa dieci minuti alle otto di sera. Olindo e Rosa, che quella sera hanno parcheggiato l'auto fuori dal cortile per averla pronta, hanno sentito rientrare in casa le vittime. Al piano di sopra, nella mansarda, Mario Frigerio e sua moglie, Valeria Cherubini, stanno per mettersi a tavola.
"Avevamo la chiave del portoncino di Raffaella. Siamo andati su e abbiamo bussato alla porta" , ha raccontato Rosa ai magistrati.
“Abbiamo indossato un doppio paio di guanti, per scongiurare il rischio di lasciare impronte digitali.” (La scusa per farsi aprire era plausibile: parlare della causa intentata da Raffaella, che li aveva querelati per essere stata picchiata brutalmente).
A colpire per primo è Olindo.
"Appena Raffaella ha aperto, l'ho colpita alla testa col martinetto ", un grosso cric per sollevare il camper.
"Quando Raffaella è caduta ho colpito sua madre",  ha ammesso  Olindo. L’attrezzo e pesante, lui è robusto: i colpi sfondano subito il cranio alle due donne che cadono esanimi sul pavimento: Raffaella nell’ingresso, Paola Galli nel corridoio. Ma non basta. Bisogna avere la certezza che siano morte e Rosa si da’ da fare con il coltello: Raffaella, già colpita a morte, riceve  dodici coltellate.
"Mentre mio marito era di là, con loro due,” ha precisato Angela Rosa, “io ho ammazzato il bambino. L'ho afferrato per i capelli, l’ho sollevato e l’ho ucciso con una coltellata, alla gola."

«Sì, l’ho sollevato per i capelli e l’ho sgozzato." Gli ho piantato il coltello in gola, colpendolo dal basso verso l’alto. Poi ho girato la lama».
“Perché l’ha fatto”? Chiedono i magistrati a Rosa Bazzi «Quel bambino, Youssef, mi aveva sempre dato fastidio. E anche quella sera piangeva, non la smetteva di piangere. E io non ne potevo più. E poi avevo mal di testa, sì mal di testa. Così l’ho colpito».
La donna ha descritto le mosse studiate e ristudiate insieme con il marito, quando lui tornava dal suo lavoro di netturbino dopo mezzogiorno, e infine attuate sia pure con qualche variante rispetto al piano originario: i colpi  sferrati sulla testa delle vittime con un martinetto per il camper, il bambino che urla terrorizzato sul divano preso per i capelli dalla donna e sgozzato, il fuoco appiccato metodicamente e con competenza per distruggere le prove. La corrente tolta per il timore che un corto circuito possa distruggere anche l'appartamento sottostante: il loro.
Una strage preparata con cura, pedinando Raffaella e studiando i suoi orari.

 

 

 

 

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.