Indice

La ricerca
Prima di addentrarci nel vivo di questo lavoro di ricerca, è opportuno rilevare alcune caratteristiche del quartiere in questione, quasi tutte riscontrabili nell’ampia zona Nord di Napoli.
È un quartiere che conta circa 37.400 abitanti, composto da una popolazione di ceto prevalentemente medio-basso, con gravi problemi di scolarizzazione e forte disoccupazione; inoltre, risulta caratterizzato da fenomeni di occupazione abusiva. È da tener presente che la periferia Nord di Napoli, nel suo complesso è un’area a vocazione manufattiera, con forte presenza di lavoro irregolare o sommerso. La scarsa o nulla presenza di attività produttive nel quartiere fa sì che esso venga considerato come un vero e proprio dormitorio.
A tutto ciò si aggiunge una forte disoccupazione giovanile. Con tutti i suoi problemi e il suo portato di marginalità, illegalità, violenza, il quartiere non è affatto un monstrum né un unicum nel panorama metropolitano del Mezzogiorno. Comunque sia, sono frequenti gli abbandoni scolastici, c’è scarsa acculturazione, forte incidenza della microcriminalità, carenza di una cultura del lavoro.
Ovviamente, i più esposti al degrado e al malessere sociale sono i minori, infatti, il disagio giovanile è particolarmente forte, e questo pesa ancor di più in una zona nella quale la popolazione è nettamente più giovane che nel resto della città. Indice di questo disagio è la scarsa scolarizzazione a livello di scuola media superiore, cioè proprio in quella fase in cui si possono acquisire le qualifiche professionali spendibili sul mercato del lavoro. Come già detto, nel quartiere sono frequenti gli abbandoni scolastici, a riprova del disagio profondo che vivono molti nuclei familiari. All’origine di tante situazioni difficili stanno le condizioni problematiche delle famiglie di provenienza, con retroterra di disoccupazione e sottoccupazione, scolarizzazione bassa o assente, analfabetismo, difficoltà di integrazione.
Non è infrequente la situazione di assenza di un genitore a causa di detenzione o di latitanza. Dopo questa breve e succinta panoramica, il presente lavoro vuole porre l’accento sull’intervento di “prevenzione/promozione” al disagio giovanile, messo in atto da una delle tante parrocchie presenti in uno dei quartieri della periferia Nord della città di Napoli. Questo lavoro di ricerca riporta l’esperienza di 10 giovani di sesso maschile, di età compresa tra i 15 e i 18 anni, residenti in uno dei quartieri della periferia Nord di Napoli.
Un’esperienza vissuta tra le mura parrocchiali, squisitamente educativa rispetto al disagio giovanile; un disagio che si manifesta in svariate forme, fino a divenire un malessere diffuso, espressione di quella “fatica” cui ogni giovane è chiamato ad affrontare nel fisiologico passaggio dall’adolescenza alla maturità, un percorso disseminato di ostacoli. Un disagio che diventa manifestazione della difficoltà di assolvere a quei compiti evolutivi che vengono richiesti, di volta in volta, dal contesto sociale. È qui che entra in scena la parrocchia che si rivela punto sicuro di ascolto, di contenimento, di incontro, ma soprattutto di cura, mostrando un ruolo preventivo-promozionale rispetto al disagio. Gli strumenti d’indagine utilizzati in questo lavoro di ricerca sono stati: l’Interrogazione tramite questionario (che ha trattato i temi quali: quartiere, scuola, tempo libero, pedofilia, valori) e l’Intervista strutturata (che ha trattato il tema centrale della parrocchia).

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.