WORKSHOP & CORSI PER PSICOLOGI

corsiperpsicologi

DALLA BACCHETTA MAGICA AL FALLIMENTO TERAPEUTICO
Venerdì 21 Aprile,       workshop esperenziale 

 

Newsletter

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato sulle attività ed i servizi dello Studio e sui nuovi articoli di MenteSociale!

Criminologia

wpecriminologiaTematiche affrontate negli articoli:

  • Stalking e comportamenti ossessivi
  • Omicidio sessuale, omicidio passionale, omicidio di coppia, serial killer, omicidio familiare
  • Femminicidio
  • Adozione e affido
  • La Perizia e la Consulenza Tecnica
  • Comportamenti violenti e comportamenti perversi: pedofilia, bullismo, piromania
  • Legislature varie: in tema di stalking, di adozione internazionale
  • Centri antiviolenza

 

 

coppia assassinaLa vicenda di Nathan Leopold e Richard Loeb, giovani eccezionalmente brillanti a livello intellettivo, che hanno ucciso, nel 1924, un ragazzino - solo per tedio e per convinzione di poter realizzare un omicidio "perfetto". Il vuoto interiore, il narcisismo ferito e l'incontro di due menti senza emozioni.

pedofilia"Mentre le definizioni giuridiche dell’abuso tendono a sottolineare criteri ed evidenze che servono a provare o meno un comportamento abusivo, le definizioni cliniche hanno come obiettivo quello di mettere in luce le conseguenze psicologiche e psicopatologiche nel bambino che ne è vittima e nello stesso tempo studiare le dinamiche psicologiche dell’aggressore, nel contesto intra ed extrafamiliare."

mondo in fiammeL'autore analizza la grave emergenza incendi che attanaglia il nostro paese, ponendosi alcune domande fondamentali per capire il problema:  "chi è il piromane? Perché appicca incendi? Quali sono le reali motivazioni che sottostanno a questi insani gesti?"

perizia psicologicaGli psicologi hanno un ampio spazio all' interno della psicologia giuridica; tramite la perizia psicologica possono o affiancarsi o addirittura lavorare "alla pari" di una figura medica. Fondamentale è riuscire ad effettuare un lavoro, richiesto dal giudice, in maniera chiara e completa.
L'articolo è una piccola guida per l'espletamento di un'attività nel campo forense.

 Suggerimenti pratici per le vittime di stalking

2) Esporre all'ufficiale di polizia giudiziaria incaricato della ricezione della denuncia, in maniera chiara ed articolata,  la successione degli eventi ricordando che:
a) Se vi è stata aggressione fisica (ma anche solo verbale) che ha determinato lesioni e/o stato d'ansia, prima dell'esposizione della denuncia è necessario rivolgersi presso il pronto soccorso dell'ospedale più vicino, narrando i fatti accaduti. Facendo ciò il medico di turno sarà obbligato a stilare un referto medico il quale, oltre a costituire una vera e propria ricezione di notizia di reato, sarà la prova della veridicità dei fatti narrati nell'esposizione della querela.
b) Se vi sono state molestie telefoniche (anche telefonate mute) ricordarsi, qualche giorno prima della denuncia, di annotare possibilmente il giorno e l'ora in cui queste sono pervenute. Anche se ciò è molto fastidioso è necessario attivare il tasto di risposta e tenere in linea l'altra persona per qualche secondo (naturalmente senza instaurare una conversazione), dimodoché il sistema di registrazione dei tabulati telefonici entri in funzione e vi sia la certezza della registrazione della telefonata. Ciò è molto importante perché comunicando con esatezza all'ufficiale di polizia giudiziaria il momento in cui sono pervenute le telefonate si faciliterà l'indagine e i tabulati telefonici costituiranno la prova delle molestie subite. Ma non solo, la molestia telefonica (art. 660 c.p.), anche se ritenuta un "reato bagattellare", a volte è l'unico reato che riesce ad incardinare tutto il processo presso il tribunale ordinario e non presso l'ufficio del giudice di pace. Infatti è raro che comportamenti di stalking sfocino in aggressioni fisiche o altre condotte così gravi da permettere di incardinare il processo presso il tribunale ordinario.
c) Riportare in denuncia, con precisione ed in modo particolareggiato,  tutte le frasi offensive o minacciose ricevute, ricordando che le minacce di morte, specie se profferte impugnando armi (da sparo e tutte le altre la cui destinazione naturale è l'offesa alla persona -es.:un coltello da cucina non è classificato giuridicamente quale arma-) o oggetti atti ad offendere per i quali è vietato in maniera assoluta il porto se non per giustificato motivo (es.: un'accetta, a meno che non si provi il suo naturale ed imminente utilizzo; un coltello da cucina, a meno che non si stia tranciando un pollo), costituiscono minaccia grave ed incardinano il processo presso il tribunale ordinario. Per quanto riguarda le frasi offensive ricordarsi di citare i testimoni che hanno assistito all'evento (ciò è di particolare importanza ai fini della raccolta della prova).
d) Ricordarsi che obbligare qualcuno a fare qualche cosa che non vuole fare (esempio obbligarlo a fermarsi mentre in auto sta percorrendo una pubblica via e altre situazioni simili) integrano il reato, grave, di violenza privata. In situazioni del genere, se possibile, è bene richiedere sul posto l'intervento di una volante (113) che procederà a cristallizzare l'evento e comunque è sempre necessario citare i testimoni presenti ai fatti.
3) Riguardo ai comportamenti da tenere per difendersi dallo stalking, è necessario attenersi scrupolosamente a quelli elencati nel sito.
Dr. Giancarlo Salvadori, V. Sovrintendente della Polizia di Stato
(Settembre 200Suggerimenti pratici per le vittime di molestie assillanti
 

prison experimentLo Stanford prison experiment è la chiave per capire il comportamento di internati e SS naziste all'interno dei lager

 

 

nazismoIl Nazismo spiegato attraverso i concetti della psicologia del male

crimini concessiComunemente quando parliamo di criminalità siamo abituati ad associare a tale termine tutta una serie di azioni delittuose, solitamente efferate, a volte grottesche, che giornalmente riempiono gli spazi dei quotidiani  e dei telegiornali.

Studio di Psicoterapia MenteSociale

studio mix

Indirizzo: Via dei Castani 170, 00171 Roma
ideaCon i mezzi pubblici lo Studio è vicino a: metro C fermata Gardenie, Tram 19 e Tram 15, numerose linee di bus

Email: info@mentesociale.it

Telefono: 0664014427

ORARI DI SEGRETERIA ED APERTURA AL PUBBLICO:
Lunedì dalle 10.00 alle 13.00
Martedì dalle 10.00 alle 13.00  (anche Sportello Psicologico)
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 (anche Sportello Legale)
Venerdì dalle 10.00 alle 13.00
ideaIn altri orari o giorni è possibile lasciare un messaggio in segreteria, sarete ricontattati il prima possibile.

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.